Feeds:
Articoli
Commenti

ANIMA VIBRANTE


Il nome richiama il presunto peso dell’anima. 21 grammi.
Direi, però, che è molto materiale, anzi carnale.
Un vibrante dildo con incorporate le ceneri del tuo amato.

Mark Sturkenboom, olandese, ha ideato un modo alternativo per superare il dolore della scomparsa e trasformarlo in piacere.

Il tuo lui non c’è più? Non preoccuparti, ci sarà per sempre, vicino a te, in un elegante cofanetto.

L’elegante cadeau si chiama, appunto, “21 grammi”. All’interno, oltre al dildo che ospita le ceneri del tuo amato, ci trovi un amplificatore acustico che trasmette la sua musica preferita e, uno spruzzatore del suo profumo, così che tu possa avere ancora, ancora e ancora una serata intima con il tuo innamorato.

Il tutto, chiaramente, corredato da una chiave a chiusura del cofanetto. Sia mai che anche da morto possa scapparci il tradimento con qualcun altra.

“Ti farò morire di piacere” è il nuovo must.
Dildo

NUN VE REGGAE PIU’


Sgocciolo.
Non per quello che pensate voi, porcellini.
Sgocciolo insofferenza.

Meno male che ho ancora poche ore davanti a me e stacco qualche giorno. Ciò è cosa buona e giusta poiché, in modo esponenziale, reggo sempre meno questa realtà, fatta di analfabeti emotivi, analfabeti funzionali e di troll più o meno capaci.

Parlo certamente di quelli della rete, quelli di cui Eco diceva: «È l’invasione degli imbecilli», ma parlo degli stessi che ora, forti di esser ascoltati in qualche modo, ti ritrovi anche al bar mentre sorseggi il caffè.

Non so di preciso quando ho iniziato, ma nun ve reggae più.
Photo by John Wilhelm

Son passati gli anni, son passati i sogni (ma ne son arrivati di altri), son passati gli amori (ma non ne son arrivati di altri), ed io mi rendo conto che alcune canzoni son così attuali da sembrare esser state scritte ieri (con alcune piccole modifiche. Tipo al posto di dc ora metterei pd), e questo mi deprime, perché voi non siete passati, siete il presente.

Necessito di togliere quest’aria stagnante e farne entrare di fresca. Ho bisogno di frequentare, vedere, ascoltare, leggere, palpare, annusare, assaporare solo persone e situazioni a me affini, per farmi sentire un po’ più a casa, in questa realtà.

Badate non lo dico con l’arroganza di chi si pensa e sente migliore di altri, lo dico solo con la consapevolezza del “siamo diversi”, ma così diversi che in questa vita starvi vicino mi costa fatica ed energia e ora devo recuperarla. Altrimenti la prossima volta che vi incrocio vi sputo addosso.

NUN TE REGGAE PIU’

PS: Oh aspetta ecchecazzo, diciamolo, di qualcuno lo penso di esser migliore, non con arroganza sia ben chiaro, solo la conoscenza che alcuni sono a uno stadio evolutivo (molto) inferiore al mio, tutto qua

PPS: Eh sì, al solito, ho punte di modestia improvvise

PPPS: dai dopo le ferie mi migliora l’umore

PPPPS: tranne i primi giorni del rientro

PPPPPS: e quelli subito dopo

PPPPPPS: e quelli tra il subito dopo e le ferie del 2017

BOTTONI


Sono stata una bambina timida e introversa.
Sono stata una adolescente introversa e timida.
Sono stata una ragazza introversa, timida e silenziosa.

Poi sono diventata una donna estroversa, determinata, forte e sicura, ma ho radici in quelle me. Questo mi complica, a volte, la vita. Non poco.

Ho una radice che ha la forma di una bimba di tre anni e mezzo con un sacchetto pieno di centinaia di bottoni.

Con i bottoni giocavo. I bottoncini rosa confetto diventavano i maiali della fattoria, quelli bianchi e piatti la recinzione, quello grosso e marrone la mucca, e così via. Ero capace di giocare per ore e ore con i bottoni. Costruivo mondi e fantastiche storie. Tutto da sola.

Non ho più un sacchetto pieno di bottoni, oggi ho un sacchetto pieno di pensieri improvvisi e di emozioni cui do forma digitando su una tastiera. Le parole son i miei nuovi bottoni, lo scrivere le mie fantastiche storie.

Se mi guardate voi vedete una donna.
Se io mi specchio vedo una bambina di tre anni e mezzo.

bottoni


Ci sono i pensieri corposi.
Li vedi passare fuggevoli dietro bulbi oculari.
Scorrono sulla fronte, scritte led in movimento.
maschere

Li scopri quando sbigottisci le persone. Quando le maschere son calate, quando dici una cosa che non si aspettavano e la sorpresa le spoglia per un breve attimo.

Li vedi nelle persone distratte, avvolte in se, in un mondo a parte, o quando cercano di mentirti. In quel breve istante di vana ricerca di farla passare per verità, s’incrina la facciata, e da lì fuoriescono densi.

E poi ci sono i tuoi, quelli che a volte ti fanno volare e altre ti imbullonano a terra.

Siamo tutti emuli Jesus. Venuti per cambiare il mondo, ci ritroviamo inchiodati a una realtà che non ci appartiene.

FARE E RI-FARE


E’ il mio momento “FARE”; qualche goccina di soldini e non solo parole.

Emergency
Andrea Cisterino e la sua associazione

unione di cuori

La foto rappresenta molto bene il mio fare doppio anche di questo mese. L’amore ha molte forme. La mia anima non fa grandi differenze differenze in tal senso.

Quindi doppione anche questa volta. Il mio fare di luglio è:

EMERGENCY.
Per quei pochi che non lo sanno, Emergency costruisce e gestisce:
– ospedali dedicati alle vittime di guerra e alle emergenze chirurgiche,
– centri per la riabilitazione fisica e sociale delle vittime delle mine antiuomo e di altri traumi di guerra,
– posti di primo soccorso per il trattamento immediato dei feriti,
– centri sanitari per l’assistenza medica di base,
– centri pediatrici,
– poliambulatori e ambulatori mobili per migranti e persone disagiate,
– centri di eccellenza.
Inoltre:
– forma il personale locale secondo criteri e standard di alto livello professionale,
– realizza progetti di sviluppo nei paesi in cui opera,
– organizza corsi di formazione professionale per i pazienti mutilati e disabili.

Si possono far donazioni mensili, una tantum o dare il cinque per mille.

Il mio ri-fare di luglio invece è:

ancora lui, Andrea Cisterino e la sua associazione, di cui ho già parlato più volte. Lo so che mi ripeto, ma un uomo che ha messo così tanto, che mette così tanto, fa si che seppur poco, anche io debba far qualcosa.
Basta un piccolo contributo, per lui è molto.
Se volete potete anche dare un’occhiata alla sua pagina di facebook, RIFUGIO ITALIA UCRAINA.

 


Condividere queste emozioni è piuttosto insolito per me, ma oggi è troppo forte…
Ragazzi, io non so cosa sto facendo, dove sto andando o cosa mi riserverà la vita, ma cazzo, IO SONO FELICE! La mia vita è proprio qui, esattamente adesso, tra le mie mani… morissi domani, nessun rimpianto. Problemi tanti, ma nessun rimpianto. Grazie. Grazie. Grazie.

Non sono parole mie, ma di un mio amico. Parole che ha condiviso con noi. Tramite un social perché lui sta vivendo la sua vita nel mondo, e qui il social ha il suo vero scopo. Non sparar minchiate, non fomentare bugie, non contenere la nostra rabbia, non farci da vetrina per selfie a nutrire il nostro ego, non sembrar qualcosa che non si è, ma solo e semplicemente uno strumento per condividere con gli amici qualcosa, in un momento in cui non possiamo farlo di persona.

Lo sapete che la felicità è contagiosa?
Io son felice che lui viva quel momento, io son felice che lo sia così tanto da non poterlo contenere, io son felice che ogni tanto uno di noi riesca a dire: “Io sono felice! La mia vita è proprio qui, esattamente adesso, tra le mie mani, morissi domani, nessun rimpianto“.

Io questa frase non la potrei dire, ma sapere che qualcuno dei miei amici può farlo, bè… sarò stupida, sarò emotiva, sarò cogliona, sarò quello che volete voi, ma rende anche la mia vita con un punto di luce in più, forse perché dà speranza anche a me di poterla dire un giorno.

Voi siete un pezzo del nostro cuore in giro per il mondo.
felice

PS: Il mio amico si chiama Thomas. Lui,  Agata e Serena li trovate qua “300 KG”

MEGLIO TARDI CHE MAI


Flash, no, non Gordon, ma del capire.
La consapevolezza della mia stupidità.
Lo chiamavo amore e non era manco un calesse.
Solo un enorme, immenso, inutile, giro a vuoto.

Anni triturati da occhi ciechi e pensieri affilati.
Tempo ed energia evaporati in una spirale contorta.
A saperlo prima mi dico, ma meglio tardi che mai, mi rispondo.

Sospira lieve il cuore mentre si acciambella come un gatto.
Questo vuoto improvviso sa di Mistral, spazza e rinfresca.
Mi siedo stanca al ciglio di una strada di campagna.
L’orizzonte è libero. Il futuro è là.
cat

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 641 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: