PROGENIE

Il suo ingresso è stato plateale, occhi spalancati sul mondo e mano chiusa intorno al cordone ombelicale, come fosse aggrappata al palo dell’autobus e aspettasse la sua fermata per scendere. Il suo indice di Apgar fu 10, fin da allora intenta ad ottenere il voto più alto.

Qualche anno dopo all’asilo era una testa di riccioli impossibili, due occhioni e una forma di tenerezza-protezione verso quelli più piccoli di lei, uno dei pochi momenti in cui ha permesso a questa parte dei lei di essere visibile (si lo so, un po’ mi detesterai perché lo dico).

Alle medie inferiori, un’adolescenza precoce (del resto dall’indice di Apgar in poi ha sempre cercato di arrivare prima in ogni dove) sconvolse me, madre, convinta di aver sbagliato tutto, educazione compresa. Di non aver fatto nulla di buono e di aver fallito.

Alle superiori il suo forare l’adolescenza verso la forma adulta non fu indolore, ancora oggi cicatrici di quel periodo glielo rammentano e coincisero con il mio forare la vita verso la consapevolezza. Ripenso ad allora, sospiro di sollievo all’idea di quanto siamo state entrambe  baciate dalla fortuna e nel contempo consapevolmente determinate. Del resto la fortuna aiuta gli audaci.

Poi l’università tra scelte di studi e crescita, tra la ricerca di se e la ricerca del mondo, in qualche modo han fatto passare gli anni cercando di centrare l’obiettivo. Per lei e il suo interiore “Indice di Apgar” è stato stressante e spesso lo è ancora.

Lo studio all’estero, la laurea, il 110 con lode, il master ancora all’estero, il ritorno in italia, il programmare un secondo anno di master, la ricerca infruttuosa di una temporanea fonte di cash per il secondo anno di master, è stato un attimo, senza nemmeno accorgersi si arriva ad oggi.

Oggi il tuo essere donna fatta di mille sfaccettature, le tue paranoie e le tue idee geniali, la tua forza e i tuoi timori, il tuo interiore esposto così tanto da celarsi a quasi tutti, l’essere quella che sei anche con quei lati del carattere che a volte veramente ti prenderei per i capelli e ti fracasserei i denti sullo spigolo del tavolo (ma con amore naturalmente), l’ironia, il cinismo, la correttezza e l’uso della verità. Tutte queste cose, e altro che non cito, fanno di te, la persona, non solo la figlia, la donna che in tutti questi anni ha continuato a farmi dire: “Se non fosse mia figlia, la vorrei come amica“.

Accade a volte che il mio lato oscuro caratteriale, il mio stress e il mio nervosismo prendano il sopravvento e ti feriscano o quantomeno ti facciano incazzare, rendendoti difficilissimo rapportarti a me che in quel momento pungo. Sappi che nel momento stesso in cui me lo dici, me ne rendo conto. In quell’attimo chiederti scusa è difficile, la parte negativa dell’orgoglio e lo stress che accompagna quei momenti è troppo forte. Lo faccio ora per allora, scusa.

Quest’anno il due sarà per l’ultima volta davanti ai tuoi anni.  Avrei voluto aver la possibilità di festeggiare in modo diverso, più “ricco”, ma come ben sai il periodo è quello che è.  Una semplice pizza stasera e questo mio scritto son il tuo regalo di compleanno.

Auguri Progenie, auguri bimba mia, anche se non sempre sembra, io scoppio di orgoglio costantemente per te.

Ti voglio bene.
Mater

Photo by Chiwaz 2014 – Gabriele Castelli

Annunci

48 pensieri riguardo “PROGENIE

  1. Come dicevo circa una (due?) settimana fà, senza nulla togliere a ciò che la “creatura” ha di suo, i figli sono anche la versione 2.0 dei genitori 😉
    Ed alcune di queste parole ti ho senita pronunciarle ed erano veramente cariche di orgoglio :p

    P.S.
    Ammazza che bella :p

  2. siamo state fortunate, nonostante la vita e le continue difficilissime prove che comporta viverla, siamo state fortunate e magari un po’ ce lo siamo pure meritate…mi piace pensarlo…come mi piace pensare che magari un po’ e’ anche merito nostro…non siamo donne semplici, ma qualcosa di noi in loro c’è e sono convinta sia qualcosa di buono…credo sia una cosa meravigliosa arrivare ad un certo punto e poter dire che siamo orgogliose dei nostri figli. Si, e’ davvero una cosa meravigliosa. Auguri alla tua Piccoletta e brava a te…accetta il complimento, te lo meriti, ce lo meritiamo, ‘sti cazzi :-)))

  3. che dire.Due donne con la D maiuscola, intelligenti, belle, spiritose e tanto altro. Un mondo di auguri Serena, mi mancate un casino. E sì, vi voglio bene.

    1. Danilo parlo da parte di entrambe. Tu sai che il bene che ci vuoi e ricambiato, se non lo sai te lo dico ora. Per noi rimani sempre il cavaliere, il paladino con la spada in mano che protegge dai mostri e dai cattivi il mondo ❤

      E quando vuoi, puoi, casa nostra ti aspetta, cena e chiacchere a con gli amici sai che a noi piacciono tantissimo!

  4. Ma …. quella della foto è lei???
    Io l’ho vista solo una volta e sembra così diversa ora.
    E comunque fossi in lei, a quest’ora sarei in lacrime di folle gioia e eterno amore!!! 🙂

  5. A parte che è bella da impazzire … Auguri alla progenie, di cuore e che sia onorata e orgogliosa di avere di una mamma come te, difetti compresi, perchè non è per niente scontato che le mamme siano così … vorrei che mia madre esprimesse una quarto di quello che hai detto tu, forse anche meno ❤

  6. Dio che bella che è 🙂
    auguri a lei sebbene non mi conosca, ma patata bella.. auguri a te, che l’orgoglio che leggo in queste righe aumenti sempre ❤

    ..non so perché ma la parte di te che la pigli (amorevolmente) e la fai cozzare sullo spigolo del tavolo.. bah eh sì, come ti capisco 😉

    1. Perché anche tu, con l’amore di madre che ti riempie il cuore, prenderesti il tuo “piccolo gobbo di notredame” e lo spigolo del tavolo ti servirebbe per spingerli dentro qualche insegnamento 😉

    1. bè sospetto che le avessi regalato un appartamento tutto suo in centro con grande giardino avrebbe fatto anche lui la sua porca figura 😉

      (ho capito che vuoi dire ❤ )

  7. AL FIGLIO
    Di C. Lebowski Cavallini

    Stasera ho pensato di insegnarti questo :
    tu ribellati
    qualunque cosa accada :ribellati
    ribellati alle lettere allineate
    ai colori alle cornici introno al foglio
    agli indici nei libri alle immagini nel verso giusto
    agli orli alle cinture ai calzini uguali
    ai bottoni sempre nelle asole
    e alle asole sempre in cerca di bottoni
    ai saponi alle creme ai dentifrici raccomandati
    alla pelle che si rimargina alle cicatrici ai calli ossei
    alle donne ai sentimenti ai patimenti
    al tempo che guarisce tutto
    e al dolore che si lascia guarire
    a me soprattutto e certo

  8. (ehm. la cosa che mi ha più sorpreso di questo post è che credo di averti sempre immaginato con almeno cinque se non dieci anni in meno di quelli che anagraficamente sono ragionevoli, come minimo, per avere na figlia di 30 anni.)
    in ogni caso, auguri!

    1. Oddio non so quanti anni mi davi, ma so che io ho deciso di aver mia figlia da giovane, fuori tendenza anche ai tempi, in cui l’età media era 30. Oggi come oggi ormai ilprimo figlio lo si fa intorno ai 33/35 (almeno dalle mie parti)

      Grazie per gli auguri alla mia bimba 🙂

  9. io, da figlia, non vorrei niente altro in dono dopo aver letto quello che hai scritto :-). Auguri a lei che ha te e a te che hai lei, auguri di cuore ad entrambe per l’ottimo lavoro che avete fatto, che state facendo e che farete!

  10. minkia che gnocca..avessi 20 anni in meno…. (sapevo che prima mi sarei ritrovato a dirlo).
    Comunque chi nasce in questo periodo ha una marcia in più…(ogni riferimento a persone è puramente casuale).
    Auguri alla ventenne da un pluriventenne e complimenti alla creatrice della creatura e di questo splendido post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...