PERSONE

Che non ho soldi che avanzano (anche) in questo periodo di vita non è un segreto. Che per questo ho dovuto, e sto “dovendo” rinunciare a tantissime cose neppure. Eppure… eppure sto scoprendo un periodo così ricco, che per certi versi penso che la vita faccia apposta a farmi stì scherzetti con il denaro, in modo che possa riequilibrare il tutto e far si che l’universo mi mandi un altro tipo di ricchezza, le persone.

Persone. Persone che son entrate nella mia vita, nonostante io fossi chiusa e restia.

Persone con cui ho diviso tempo, una pizza, la mia casa, telefonate, messaggi, pensieri, anche solo ogni tanto.

Persone con cui condivido quotidianamente parole scritte e parlate, con cui “uozzappo” i buongiorno, le buonanotti, le immagini di vita, un fotogramma di un qualsiasi momento della nostra giornata.

Persone che mi hanno aperto casa, che mi riapriranno casa, che mi chiedono quando vieni e sbuffano perché devo centellinare gli euro per i chilometri che mi dividono da loro.

Persone con cui condividerò, un brunch una domenica mattina o più avanti una città che mi manca.
Persone che non mi chiedono cosa mi dai, mi danno loro, il loro tempo.

E’ un post così, nato dal niente, da un pensiero partito da un’idea e terminato in modo che non pensavo, ma spesso i miei post son così, mi parlo attraverso le mie stesse parole. Oggi me lo son proprio detto, sono una persona ricca.

Annunci

33 pensieri riguardo “PERSONE

  1. Ricchezza, abbondanza, benvivere sono un approccio mentale che si poggia sulle fondamenta del necessario.
    Zygmunt Bauman osserva che non poche persone ricche (di capitali o potere) sono sostanzialmente misere poiché per la loro mente, centrata sull’aumento di risorse e potere, le considera perennemente scarse, insufficienti.

  2. Sono d’accordo, finchè i soldi sono pochi o non ci sono affatto.
    Potendo scegliere, però, opterei per una schifosa barcata si fruscianti banconote.

  3. Ti ringrazio, anzitutto, perchè, come spesso accade, leggo te e vedo me…
    E ti ringrazio perchè mentre ti leggevo da un cassetto della memoria è emerso qualcosa… L’ho ricercato nella sua interezza e te ne faccio dono…
    Occupati dei guai, dei problemi
    del tuo prossimo.
    Prenditi a cuore gli affanni,
    le esigenze di chi ti sta vicino.
    Regala agli altri la luce che non hai,
    la forza che non possiedi,
    la speranza che senti vacillare in te,
    la fiducia di cui sei privo.
    Illuminali dal tuo buio.
    Arricchiscili con la tua povertà.
    Regala un sorriso
    quando tu hai voglia di piangere.
    Produci serenità
    dalla tempesta che hai dentro.
    “Ecco, quello che non ho te lo dono”.
    Questo è il tuo paradosso.
    Ti accorgerai che la gioia
    a poco a poco entrerà in te,
    invaderà il tuo essere,
    diventerà veramente tua nella misura
    in cui l’avrai regalata agli altri.

  4. alcuni o a volte, queste ricchezze non sanno gestirle, sperperano questi beni così preziosi…quasi ci fosse un buco in quel salvadanaio così speciale.
    Sono contento che il tuo sia così solido 🙂

  5. Negli ultimi due anni ho avuto davvero un sacco di cazzi: pochi soldi, il lavoro che, da “imprenditore”, stenta a decollare, Equitalia che invece che farti decollare vuole vederti sotto terra, un amore importante finito (l’ennesimo), una convivenza fallita (l’ennesima), alcuni mie cari sono stati molto male e cercano tutt’ora di sopravvivere, provano a farcela; altri vivono situazioni critiche, difficili, insomma, due anni del cazzo, posso dirlo? Gli ultimi due mesi, mi viene quasi da ridere, altra merda, altri cazzi, altre preoccupazioni, mie e di altri a cui volevo e voglio bene, nemmeno ti dico… ecco, in ognuno di questi momenti, proprio come dicevi tu, se pur brutti, ho avuto la grandissima fortuna di trovare dei veri piccoli immensi tesori: le persone. E’ pieno di belle persone che incredibilmente si sporgono verso di te senza voler nulla in cambio, e bisogna urlarlo a tutto l’universo che questo è reale, non urliamo solo le negatività o gli insulti; ho scoperto che, fra simili, ci si cerca, ci si trova, ci si capisce, è automatico, e quando ci penso non mi sento meglio o arricchito, mi sento fortunato, felice, sereno. Per dire, fra le tante, una delle cose che mi ha fatto commuovere (e ultimamente mi succede spesso, sto invecchiando?) è che quasi ogni mattina, da un mese a questa parte, ho trovato un pensiero sul mio telefono, verso le 7.30, un piccolo puro disinteressato pensiero di amicizia e affetto, e, ora, proprio ora, mentre ci penso, ho gli occhi lucidi e il cuore pieno di gioia, e dico che con questa roba qui, con queste persone, ecco, anche tutta la merda a cui dobbiamo sottostare perde di senso, con questa roba e queste persone so che il mondo in cui vivo è un mondo in cui la gente non si unisce solo per essere “contro” altra gente, ma lo fa anche per il solo desiderio di essere “con” altra gente, per sorridere, per condividere, per resistere… cose come quella mi fanno dire che il mondo in cui vivo è un mondo in cui vale la pena essere, con tutte le nostre imperfezioni, con tutte le mancanze e i difetti, nonostante tutti gli errori e i passi falsi: essere, esserci, e io voglio esserci, grazie a questa roba e a queste persone, voglio esserci. Voglio esserci per quei pensieri meravigliosi e preziosi delle 7.30 del mattino, per certi buongiorno, per certe “buona notte”, per certa gente che si stringe intorno a te in silenzio “come una famiglia”, per certa gente che non si limita a “non dire” ma sceglie di combattere per quello che ritiene vero, che si disgusta dello schifo. E per certi brunch…

      1. ..pensa che a questo Roberto qua sopra, su un altro blog, gli ho appena chiesto se ci vediamo.. (cena chiacchiericcia), secondo te può essere un caso?!? A me ste cose spaventano e meravigliano… 😉

  6. Cara Diamanta, mi fa piacere leggere le tue parole. Che, certo, i soldi per i wafer servono a tutti e non possiamo far finta che non sia così, ma se condividi i wafer con gli amici, be’, hanno tutto un altro gusto 😉 Un abbraccio!

  7. Un abbraccio a questa splendida Donna e Amica, un’anima di quelle belle, grazie, per queste riflessioni, che condivido appieno. Perchè come dice anche Erre qui sopra, quei messaggi lì, quelle emozioni lì, sono quello che mi tiene viva in questo periodo un po’ … di nuvole e temporali.
    Persone stupende anche nella via vita, gente che mi conosce da pochi mesi ma che mi ha aperto casa, guarda, la finisco qui o mi commuovo, ma ci siamo capite.
    Grazie, alle belle persone … e qui in giro tra l’altro ce ne sono più di quanto non possa sembrare! ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...