UN UOMO

Voi non lo fate?
Io sì, lo faccio. Sempre.
In quasi tutti i settori, ho “una base”, quella che ritengo migliore, con cui fare un termine di raffronto.

Raffronto quanto pulisce un detersivo piuttosto che un’altro, quanto un balsamo renda i capelli più morbidi, quanto il sapore di un olio. Ad un certo punto ne scelgo uno, e quello per me sarà la base su cui confronterò tutti gli altri.
Non lo faccio solo con le cose.

Così un amore, in genere quello che ti ha devastato, lo raffronterai con tutte le storie successive, e un’amicizia, la più importante, sarà termine di paragone della tua vita.

Poi un giorno arriva una persona nella tua vita, per caso, mica l’hai cercata. Neppure nei pensieri più lontani avresti potuto pensare di conoscerla, è così lontana (apparentemente) da quello che sei che fai, ma arriva. Una manciata di ore nella tua vita e tu cominci a far di confronti in un settore in cui non lo avevi mai fatto. Lui è un uomo.

E niente. Ora il problema è quello, senza nulla togliere a nessuno, lui è un uomo. Solo questo, nessun altro scopo o intenzione celata in quello che dico, solo questa piccola e unica considerazione, lui è un uomo.

La grandezza di un uomo risiede per noi nel fatto che egli porta il suo destino come Atlante portava sulle spalle la volta celeste.  (Milan Kundera)
La grandezza di un uomo risiede per noi nel fatto che egli porta il suo destino come Atlante portava sulle spalle la volta celeste.
(Milan Kundera)

Forse dovrei definire cosa è un uomo per me, ma non lo farò, non ne ho bisogno. So che ho guardato il cielo stamattina e un sacco di cose e persone si sono ridimensionate, e di molto, anche me stessa.

Annunci

31 pensieri riguardo “UN UOMO

    1. sai io non mi sento piccola, solo ridensionata, non so spiegarmi…. io mi sento sempre grande (si lo so ma modestai non è il mio forte 😛 ), ma senza fronzoli o accessori inutili 🙂

      oh poi non so quanto dura, la nostra è una società che ci gonfia, non si spiegjerebbe la marea di “palloni gonfiati” che ci vive 😉

      1. è si ne vive tanti.
        e mi piacerebbe che questa societa’ sparisca velocemente ma aimè sara’ difficile.
        il sentirsi grande vuol dire avere forza
        ma hai detto bene a volte ridimensionarsi serve…..
        serve a capire ed a agire.

        marcello

  1. le sensazioni più “forti” sono ovviamente quelle che arrivano a sorpresa e non possiamo controllare, per fortuna…dura quanto deve durare, un attimo o sempre 🙂

    1. Non è una questione di controllare, non devo controllare nulla (a parte che la vita non è controllabile…) e ho smesso da anni di farlo, diciamo che la mia sensazione, ovvero il mio scritto non è una sensazione, ma un OMAGGIO a una persona

  2. Molto bene, signora mia, molto bene! Stesso vizio di prendere un particolare soggetto a paragone, di recente anche a me è successo di sostituire vecchi modelli, con gran soddisfazione. Sono contenta per le tue considerazioni di oggi 🙂

    1. E io son davvero contenta che tu mi comprenda, perchè lo so da sola quello che ho scritto, come l’ho scritto (per me oggettivamente) non è di facile di comprensione.
      Il fatto di esserlo, almeno in parte, mi piace 🙂

  3. Non c’è un tempo definito da aspettare per capire, se la sensazione è arrivata improvvisa fidati, è giusta. Se ti fa scrivere meglio ( dentro ci sono decine di sotto attributi) o non ti fa più scrivere del tutto ( lasciandoti il tempo di vivere e pensare) è un uomo…diversamente da considerare.

    1. E’ la mia “base” su cui raffronto l’integrità, l’onestà (intellettuale e non), la capacità di affrontare la vita, la determinazione di crescita, la guerra dei propri demoni, l’innocenza di un cuore… è un uomo non diversamente da considerare, solo un uomo…

      1. Hai detto niente! Prova a pensare a quel’uomo se e quando compie il medesimo percorso con una donna. Sono magie che si ripetono solo un paio di volta nella vita.Anche se è solo un una…

  4. Me ne son resa conto a fine giornata, e lo dico anche a voi va, che così togliamo i dubbi, e non mi scrivete in privato per domandarmi… 😛

    Stavo dicendo, me ne son resa conto da donna (etero) che non posso scrivere di un uomo senza che una moltitudine pensi ad un inciuccio in nascendo, in corso, in speranza, in amore, in ormone, insomma non posso usare la parola “uomo” in un post senza che si pensi sia o stia entrando in una relazione di tipo classico o similare.

    Invece io non so come spiegarmi, non so davvero, ma se dico uomo, non dico innanorata o innamorato, non dico sesso, non dico storia d’amore, non dico ormone impazzito, non dico trobamico, non dico forse nasce una storia. Dico semplicemente uomo.
    Il mio è stato, è, un attestato di stima, d’onore, d’affetto, un riconoscere il valore di una persona in un mondo mediocre, il ritrovare un anima antica

    Dunque sappiate che non sono innamorata, non ho inciucci, non ho l’ormone alto.
    Ho un anima che ne ha vista un altra tra le pieghe della vita.
    Ho visto semplicemente un uomo.

  5. Ecco, meno male che hai fatto questo P.S.
    E io che stavo giusto per scriverti privatamente. 😀
    Comunque è meglio, incredibilmente meglio di un inciuccio.

      1. ahhaha tu (voi) sapete che ne ho tre di gatti maschi già castrati in casa, ma dove c’è ne sono tre, possono essercene anche 5 di gatti maschi… già castrati 😀 😛 :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...