NATALE

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

(Natale – Giuseppe Ungaretti)

D&D

View original post

Annunci

23 pensieri riguardo “NATALE

  1. Ungaretti a me ha fatto sempre uno strano effetto, le sue poesie (oh non tutte) mi risultano un concentrato talmente denso e pieno di anima, che non riesco mai a stancarmene.

    Questa è una di queste.

    Per le foto… grazie 🙂

  2. Il “non mi rompete le palle”, sotto testo biblico ungarettiano, mette in luce il pensiero di molti, spesso truccato da babbo natale appeso al balcone. Quello che non molti hanno capito, è che quei babbi natale di spalle, stanno fuggendo da case inospitali, portandosi dietro un sacco colmo di rammarico, posato lì in un angolo, giusto per le feste.
    p.s. le foto sono strabelle, ma quella serale di più.. 😉

  3. No ai voe
    di butami
    in tun glemùz
    di strade.

    ‘O soi
    tant stràc
    tes spàles.

    Lassàimi cussì
    come une
    cjòssule
    poiade
    ta un
    cjantòn
    e dismintiade.

    Achì
    no si sint
    atri
    che il cjalt bon.

    ‘O stoi
    cun quatri
    capriòlis
    di fum
    tal fogolar.

    ‘O ai fat ce chi podevi, di mior di cussì i volevi.
    Mandi.
    haffner

  4. E’ passato Natale. A parte la battuta scherzosa sui tubi, sempre a proposito delle foto, c’è gente che pensa che una foto sia bella solo se il soggetto fotografato è una bella ragazza o uno scorcio panoramico. Secondo me una foto è bella quando chi fotografa riesce a trasferire l’anima in quello che sta fotografando, quando riesce a cogliere la poesia anche in una banale sedia in mezzo ad una stanza.
    No, così non va bene, faccio discorsi troppo profondi. Cercherò di rinsavire, mi faccio quasi paura…
    Buona giornata.

    1. in ritardo… buon anno 🙂 ma ho staccato per un paio di settimane

      Per il resto, io concorso con te le foto che amo di più, sono quelle che hanno l’anima. Quelle che hanno colto un apiega nascosta della vita.

      Ma stamattina marco male pure io, son seria 😛 (seria io? si fa per dire)

      1. Io entro in WP e poi dimentico di fare il logout, per cui risulto sempre loggata anche se non ci sono. Buon anno? Buon anno sia, almeno noi crediamoci, sforziamoci.

  5. Morire come le allodole assetate
    sul miraggio

    O come la quaglia
    passato il mare
    nei primi cespugli
    perché di volare
    non ha più voglia

    Ma non vivere di lamento
    come un cardellino accecato

    Agonia di Giuseppe Ungaretti

    Per te che ami Ungaretti.
    haffner

    1. … ❤ grazie
      di lui amo come in poche righe dica così tanto…

      (volendo vedere un antesignano dei twitter, ma solo nel senso di breve che spesso i twitter di spessore hanno poco)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...