SILENZIO

A volte il silenzio è il miglior modo di parlare.

Chi mi ama conosce i miei silenzi, sa le sfumature che essi hanno. Non si preoccupa di loro, anche se profondi, ma si preoccupa quando hanno una certa densità.

Chi pensa di conoscermi, dei miei silenzi fa mille congetture, mentre la loro coscienza fa il resto.

Chi non mi conosce a volte si spaventa da loro e a volte neppure si accorge, ma la cosa non mi sfiora.

Amo il silenzio, che mi fa specchiare e vedere le imperfezioni della mia anima come in uno specchio le rughe, cosicché io possa progredire. Amo il silenzio, lascia spazio alla crescita, briglia sciolta dei miei pensieri, fucina della mia mente, dove accoccolo il mio cuore come nel dondolio di una culla.

Sono in prossimità di un altro bivio, chi mi conosce attraverso i miei silenzi, sa già dove sto andando.
Jeans – ©Diamanta

Annunci

52 pensieri riguardo “SILENZIO

      1. Perchè te pensi che è una cosa che si risolve in una sera, dopo anni in cui ne sei rimasto “chiuso” e ti scoglioni subito 😛

        Ma guarda che non è che devi dirlo a me, io lo dico per te, se ci convivi bene non è un problema 🙂 se diventa una schiavitù pensaci :*

      2. Non è questione di rinunciarci, a me non piace la solitudine. Potrò anche abituarmici col tempo, anche se spero che sarà una situazione momentanea, ma non ci starò mai bene. Non posso farmi piacere una cosa che odio. 😦 Mi sa che non ne sono portato…. come nelle lingue straniere….. 🙂

      3. Stiamo parlando di due cose diverse mi sa 🙂

        Io parlo della solitudine e del silenzio come come un momento di raccogliemento e spazio sacro per se stessi, tu invece questo “spazio sacro” nel silenzio (indi nell’esser soli in quel momento, anche se volendo ci si può “assentare” anche in mezzo alla folla) lo identifichi come una prigione.

        Ma come detto va bene, ognuno è diverso, l’importante è star bene
        (se a me mi obblighi a star 24 ore su 24 senza almeno una mezzora di pausa in compagnia di qualcuno… sclero… mezzora ma mia anche a far zapping sul divano, ma mia)

      1. Odio la solitudine perché non sono solo al mondo. Mi mancano le persone care che per forza maggiore non sono con me, qualcuno è lontano, altre mi rifiutano. E in questa solitudine soffro.

    1. Chissà… forse perchè (azzardo sia ben chiaro) i tuoi silenzi non son silenzi, tu stai in silenzio con qualcuno qualcuno mentre stai parlando con qualcun’altro?

      Più che silenzio, ti distrai 😉

      1. penso sia normale. Il silenzio è una lingua. Così come cerchi di parlare in inglese con uno straniero, o in dialetto con un anziano, cerchi di usarlo con chi ritieni opportuno…
        Comunque è vero, il silenzio è una lingua che parlo malissimo…

      2. Considera che io son una “sociale” indi per me la condivisione è “vita” (che altrimenti il blog mica ce lo avrei 😛 ).

        Condivisione è parlare e parlare non è silenzio.

        Appurato ancora una volta delle mie contraddizioni di vita, è proprio perchè son così (apparentemente 😛 ) sociale che ho spesso bisogno di silenzio intorno a me

        Io il silenzio lo parlo, si usano gli occhi per farlo.

  1. Non è il tuo caso, ma a me piace un sacco questo aforisma, che contrappongo a chi tutte le volte mi chiede di capire un silenzio (che ovviamente non capisco mai):

    “A volte il silenzio non è d’oro, perché tacere è spesso comodo e facile, mentre parlare è difficile e penoso..
    Tacere può anche essere un segno di prudenza ma parlare è quasi sempre un atto di coraggio.”
    (N. Salvaneschi)

    1. Guarda che concordo pienamente con questa frase.

      E chi mi conosce sa quanto e come parlo (e di conseguenza quanto rompo le palle ghghghgh) in ricerca del “vero”.

      Ma a volte il silenzio parla di più, forse è quando hai consumato tutte le parole o forse quando le parole non le hanno ancora inventate per dire quello che vuoi dire o forse quanto ti hanno esaurito così tanto da non avere più la forza di aprir bocca.

      Ma il silenzio a cui io faccio riferimento è quello dell’autogenerazione e dell’osservare il mondo per migliorar se stessi, per apprendere e perchè capisci che parlare in quel momento è inutile

      (vedi infatti quanto con prolissa a dire 😛 )

  2. Ho bisogno di silenzio
    come te che leggi col pensiero
    non ad alta voce
    il suono della mia stessa voce
    adesso sarebbe rumore
    non parole ma solo rumore fastidioso
    che mi distrae dal pensare.

    Ho bisogno di silenzio
    esco e per strada le solite persone
    che conoscono la mia parlantina

    disorietate dal mio rapido buongiorno
    chissà, forse pensano che ho fretta.

    Invece ho solo bisogno di silenzio
    tanto ho parlato, troppo
    è arrivato il tempo di tacere
    di raccogliere i pensieri
    allegri, tristi, dolci, amari,
    ce ne sono tanti dentro ognuno di noi.

    Gli amici veri, pochi, uno ?
    sanno ascoltare anche il silenzio,
    sanno aspettare, capire.

    Chi di parole da me ne ha avute tante
    e non ne vuole più,
    ha bisogno, come me, di silenzio.

    Alda Merini

      1. Embe,
        Credo che ogni donna, seppur diversa dalle mille altre donne che conosce, possa trovare un punto di comunione con Alda.

        Che poi Sister, te nello specifico, quando vai in modalità silenziosa, hai già deciso: sai già quale strada prendere del bivio.

        Col silenzio ti prendi il giusto tempo per ufficializzare una cosa, che dentro sai già essere concreta.

  3. Tutti secondo me abbiamo bisogno dei nostri silenzi, per parlarci e per riflettere… chi non sa leggere questi silenzi, vede nel silenzio solitudine… ma silenzio e solitudine sono due cose diverse 😉

  4. Il silenzio è un rifugio. Ci entri per rifarti la pelle e ne esci più forte. E’ uno stop, un attimo di riflessione, una presa di coscienza di se stessi e di ciò che ci circonda. Purtroppo non tutti ne conoscono e ne rispettano il valore.

  5. a me capita, a volte, che un pensiero improvviso mi attraversi la mente e catalizzi il mio pensiero portandolo lontano. E gli osservatori più attenti se ne accorgono e mi chiedono dove sono …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...