ALLENAMENTI

Tu sei una persona solare.
Tu sei forte.
Tu hai coraggio.
Per te è facile.

Sono alcune delle frasi che ogni tanto mi sento ripetere. Quando accade, io osservo chi ho di fronte, silenziosa. Cerco di capire cosa vedete di me che io non vedo. Cerco di comprendere cosa i miei occhi (che scrutano lo so), lascino davvero passare di me.

La verità è che ogni sorriso che mi vedete ha le sue radici in un’ora buia, ogni forma del mio coraggio affonda nelle mie debolezze e quello che voi chiamate coraggio è paura messa in un angolo, ma non vinta.

Non ho nulla di diverso da nessuno.

Ci son movimenti nella vita che vediamo fare, movimenti che paiono fatti di aria e grazia, movimenti che ci fanno desiderare il farli. Dietro però vi sono tenacia e allenamento, con loro ti fai la muscolatura per poter volare.
feet

Poi sta a ognuno di noi.

Annunci

35 pensieri riguardo “ALLENAMENTI

    1. no 🙂 perchè chi me lo dice di solito è in una fase della vita già confusa, non voglio affossarli… prima o poi le nebbie snebbiano

      Io fanculizzo i consapevoli, quelli che sanno perfettamente quello che fanno, e lo fanno lo stesso (cioè li fanculizzo appena me ne accorgo 😛 )

      1. Quando mi fanculizzerai, capirò che sono diventata consapevole, allora??? 😦
        Bella che sei 😉
        P.s. No, io non ho avuto affatto la sensazione che per te fosse tutto “facile”…

      2. Se mi fai arrabbiare e ti fanculizzo e perchè mi hai fatto arrabbiare 😛 ma però so che tu sei al mio livello e se ti dico le cose mi comprendi
        (si lo so che ho un’alta stima di me, soffro di autostima 😛 )

  1. Ricordo una compagna di dottorato che voleva a tutti i costi scrivere una tesi sui rapporti interni alle scuole di balletto ed alle accademie di danza. Mi parlò dell’invidia rispetto ai piedi rovinati… mi sono ricordato questo… so che non c’entra molto… ma la foto è così evocativa!

      1. Masochistia insomma 😛

        Oh io nonostante scriva sempre seria (la parte più pallosa la lascio alla tastiera), son per le cose allegre, apprendere con facilità, se viene naturale meglio, senza sforzo ancor di più, poi so che ogni tanto qualche sbucciatura fa parte del percorso 🙂

  2. La storia della mia vita: se mi lamento mi sento dire che sono nociva. Se sorrido e cerco di prendere le cose con filosofia invece sono il nuovo budda sereno. Le mezze misure pare non esistano.

    1. Io son arrivata alla conclusione (che per talune persone) non sia questione di mezze misure ma di non voler “apprendere” che il proprio star bene, la propria serenità, è frutto di un lavoro su se stessi e non dalla polvere magica di Trilly 😉

      1. Purtroppo non tutti hanno il dono dell’autoconsapevolezza, e diventare consapevoli è così faticoso, e a volte anche doloroso, che in pochi si sforzano di farlo.

      1. sono felice che tu voglia condividere con me il concetto di figura retorica. Tuttavia la figura retorica scatena la fantasia ma ha anch’essa i suoi limiti. Non si soprappongono mai nello stesso contesto attributi contrastanti ma a quel punto si stratta sdi un’altra figura retorica : l’ossimoro. Intendevo, con garbo e senza offendere, che un pezzo tutto basato sulla pochezza della tua umanità non può tiare fuori dal cappello una metafora già di per sé parecchio logora, come il volo. E che tu non ti sia nemmeno posta il problema pensando che sia io a non aver capito accomuna i gtandissimi scrittori alle grafomani compulsive. Scegli tu cosa essere ma di solito i grandi, quando violentano le figure retoriche, lo fanno apposta, perché gli stanno sul cazzo. Col massimo affetto davvero. Ti abbraccio forte invece di fatturarti cinquanta euro. buona fortuna.NON SCHERZO.

      2. Vorrei chiederti perchè (testuali parole) “…che un pezzo tutto basato sulla pochezza della tua umanità…” pensi questo. Ma poi penso che il bonus abbraccio al posto dei cinquanta euro l’ho consumato e il prossimo commento mi tocca pagarlo.

        Non so che problema ti abbia dato il mio post e la mia risposta al commento, me lo son riletti giuro. Nel primo vedo solo la visione di “muscoli” d’anima e psicologici che ognuno di noi deve farsi, e nel secondo solo la specifica della metafora(o figura retorica che vuoi chiamare, nessuno ossimoro che son cose ben diverse), perchè si avevo pensato (e lo penso ancora con dubbio ora) che non avevi capito che volessi significare io. Facevo dunque un inciso. Solo questo.

        PS: si in effetti io non son una grandissima scrittrice, son solo una piccola blogger a cui piace scribacchiare i suoi pensieri, consapevole che essendo i suoi non possono piacere a tutti. Ma sono contro la violenza e non violento mai le figure retoriche.
        Ti prego leggi anche tu questa mi risposta con il massimo affetto.

        PPS: invece io la fattura di 50 € dove devo mandarla?

        PPS: Io SCHERZO molto nella vita, è già così seria di suo.

      3. perché l’umanità è pochezza. e perché così la/ti definisci sinteticamente tu. NON E’ UN MIO GIUDIZIO E’ tuo. DIci cose tipo sono solo un’essere umano. Ironia. Ma non tirarla troppo lunga.
        Giusto. Ma la scrittura ha una molteplicità di usi. GIà si pubblicava merda ai tempi di gutemberg. Figurati mo’. Quanto alla mia serietà, purtroppo sono sempre stato un mix di leggerezza e serietà- la leggerezza non la trovo più. me la sarò magnata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...