BOMBE A OROLOGERIA

Certi amori ti scolorano, cancellano i contorni, come gomma la matita.
Raschiano i confini, ti disperdi, ti perdi.

Si installano nello spazio vuoto tra il nucleo e gli elettroni.
Bombe a orologeria, scoppieranno, squarciandoti in mille te.

Macerie di te.
E lì la libertà della materia grezza.
Nume di te stesso, sta a te scegliere la tua creazione

Explosions by Herczeg & Kaehr

Annunci

33 pensieri riguardo “BOMBE A OROLOGERIA

      1. (ovvero le macerie, le puoi lasciar li sotto la pioggia e il sole ferme a far niente, solo a ricoprirsi di polvere e sterpaglie, oppure puoi prenderle in mano e con loro costruire…)

      1. Eh… è che certi amori sembrano così assoluti che vincono tutti i paragoni.
        Sembrano, magari manco lo sono, ma ti tengono sotto le macerie.
        Tipo: tanto, più di com’era non sarà più.

        (ah se almeno sapessi suonare la chitarra, o tradurre il disagio in versi…:D)

      2. lo pensavo anche io, poi ho capito che l’amore non può tenerti sottole macerie, quindi era (è) un bisogno o una paura (il più delle volte).
        Io rimanere schiava di una paura o peggio ancora di un bisogno?

        Ogni amore è assoluto, altrimenti non lo sarebbe, amore intendo.

        Come è stato non sarà sicuramente più, infatti io cerco qualcosa che sia di più, molto di più.

        (tu sai tradurre con le parole (con la chitarra non so) solo che pensi di non saperlo fare)

      1. Tu avrai il meglio. Perchè tu sei in una che le macerie le prende, toglie la polvere, impila in ordine, guarda cosa può utilizzare, e poi ricostruisce meglio di prima. In ogni campo…

  1. …un muro con le crepe puoi intonacarlo per nascondere il graffio ma se lo demolisci e ricostruisci di sicuro è più solido. Allora io credo che per scegliere sia importante chiedersi quanto sono disposta a sporcarmi di calce, quanto a sentire sulle spalle la fatica, quanto a inginocchiarmi e a sollevarmi per conoscere la resistenza delle gambe, quanto a rischiare?
    Mi piace poterci riflettere attraverso le tue parole…
    Un bacio :*

    1. Tutto vero quello che dici, ma aggiungi anche una riflessione, quanto sia leggero e senza fatica costruirsi per quello che si è. Come per le passioni.
      Quando fai qualcosa con passione non fai sforzo, e se lo fai ti sembra quello giusto.

      Forse il trucco è tutto lì vivere con passione (mica ho detto che è sempre facile 😛 sapessi che periodi di carestia ho avuto io)

  2. la trovo una splendida considerazione delle nostre possibili forzate “rinascite” dopo disintegrazioni che ci lasciano dentro un vuoto da riempire con nuova vita, influenzata certamente dagli insegnamenti recepiti dall’attenta analisi delle macerie.

    1. Le macerie sono alle mie spalle da anni, e che non sempre capisco cosa faccio mentre vivo. Ogni tanto mi fermo e mi dico “Ocaxxo son arrivata fino a qui”.
      Ho imparato la libertà. Ho imparato la libertà di amare.

    1. Vero, ma se lo fai una volta, poi sai che ne sei capace e potrai farlo ancora.
      Il dono del “sopravvivere” è questo, sapere la forza che hai

      (ti abbraccio forte mia splendida amica)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...