RAM

C’è stato un tempo che fumavo. Mi piaceva. Poi ho smesso.
Potrei dire che l’ho fatto perché farsi del male da soli è stupido, ma mi prenderei in giro, non l’ho fatto per questo, o meglio non solo per questo.
Mi son sempre fatta molto male da sola, forse una predisposizione genetica, o forse una tara mentale. Però alla fine ho smesso.
O forse solo cambiato modo di farmi male.

A volte, nonostante sia passato qualche anno, il desiderio di far un tiro mi prende, specialmente dopo un bicchiere. L’idea di aspirare e riempirmi di quel fumo, mi seduce come le sirene Ulisse. Ho il ricordo, bellissimo della sensazione, e sospiro. Qualche mese fa l’ho fatto. E li ho capito. Accesa. Aspirato quel fumo agognato e pensare subito “Che è sta merda” è stata una sola cosa.

La memoria cambia i ricordi come un’adolescente vestiti al suo primo appuntamento. Ciò che ci rese schiavi addolcisce ciò che fu, per tornare ad esser ciò che è.

Le ore che corrono sono scatti di foto che sbiadiscono contorni e ricordi nella fretta di abbracciare un futuro che vorremmo migliore.

Il tempo che passa addolcisce tutto, ciò che era lama diventa carezza, ciò che era tossina diventa ambrosio. Il tempo è un galantuomo che soffre di alzheimer.

Ed io ho un sacco di ram nella testa aggredita dal tempo. L’unica è resettare e inserire nuove esperienze di vita.

Ram

Annunci

44 pensieri riguardo “RAM

  1. Ma che è sta merda lo hai detto anche alla prima sigaretta fumata la prima volta.
    Poi ha fatto effetto la nicotina. Perché senza artifici, fumare è sempre una merda, parlando di puro e semplice gusto.
    È solo il fascino della gestualità, oltre all’imbroglio della chimica.

    1. La prima sigaretta che ho fumato in vita mia era alla menta. Non ho più fumato per alcuni anni perchè il pensiero fu “Ma che è sta merda alla menta” 😛

      Poi la stupidità che si ha nell’adolescenza, il voler apparire grande, l’imitare i “più grandi”… la nicotina rende schiavi in un lasso di tempo brevissimo. Ma altrettanto rapidamente ti disintossichi fisicamente, mentalmente è un’altro discorso.

      Ecco si la gestualità, quei tempi vuoti riempiti da quel gesto, l’oralità che viene a mancare. Nonostante tutto ci son riuscita

      Peccato che io abbia una predisposizione naturelle alle dipendenze, ne tolgo una ma ne arriva un’altra 😛

  2. Ma com’è questo fatto che non ho mai fumato e mi son fatta male lo stesso? Mmmm qualcosa non mi torna 😀
    Effettivamente invidio le persone che non ricordano tutto nei dettagli o se li fanno scivolare addosso, mi rendo conto che vivono meglio e senza pensieri. Il dettaglio, anche se solo una parola sono cose che riempiono la Ram. Sarebbe tutto più semplice cancellare, dimenticare certe cose/persone e invece sono lì, in quella memoria che vorresti solo resettare con un click. Il problema è che siamo macchine fatte male 🙂

    1. Magrai sei una fumatric emancata e per questo sei brava a farti male 😛

      PS: Il problema della memoria non è il non dimenticare o dimenticare, ma modificare i ricordi…. a nostra insaputa

      1. Ahahah beh si non fumatrice e quasi del tutto astemia. Ad un primo appuntamento mi sono trovata a spiegare perché non bevo e sono stata definita “impegnativa”… pensa te -.-
        Io sono più drastica diciamo, meglio dimenticare direttamente 😀

      2. Cara tutti abbiamo un vizio, una dipendenza solo che non lo ammettiamo o non ne siamo cosapevoli. Io per esempio mio affeziono troppo subito e facilmente, dovrei essere più distaccata verso la gente perché può fare male, ma ho la stupida convinzione che in tutti ci sia del bene. Peccato che non valuto il fatto che siano diversi da me, ecco la mia dipendenza 😀

      3. In tutti c’è del bene, ma in tutti c’è del male (nessuno escluso, neppure la sottoscritta)
        Una volta consapevoli puoi continuar a vedere il bello delle persone.

        :*

      4. Avendo il libero arbitrio, tutto dipende da che parte si sceglie di stare. Non è un discorso dicotomico anzi è molto sfumato. È un po’ come fumare pur sapendo che quel fumo faccia male e non fumare o scegliere la sigaretta elettronica che sarebbe una via di mezzo. È un discorso troppo troppo lungo da affrontare per una sigaretta ahahah

      5. hai ragione, ma la vita spesso fa comportare da “cattivi” anche ai “buoni” (ammesso che io sia buona 😛 ), poi di do atto che la scelta di stare da un aparte o dall’altra è libero arbitrio.

        Personalmente però conosco poche persone che scelgono i “cattivi” conosco molto più “ignoranti” che scelgono per quello che sono.

        Però si è un discorso troppo lungo da affrontare per una sigaretta, anche se per me la sigaretta è una metafora

  3. In tarda adolescenza presi occasionalmente a fumare, ma non neanche il perché. Forse perché fumavano tutti intorno a me e visto che dovevo venir appestato allora chiedevo una sigaretta. Presi a scroccare per abitudine, finché non divenni inviso a tutti.

    Non presi mai il vizio, alla fine mi scocciai anche. E puzza. Puzza l`alito, le dita, i vestiti.

    Oggi però fumo i toscanelli. È un piacere. È fumo lento, rilassato. È male, ok (seppur non aspirando nei polmoni entra meno monnezza e poi è tabacco meno trattato rispetto a quello delle sigarette), ma di viver una vita totalmente asettica non me la sento.

      1. I toscanelli non puzzano. Mi spiego: il sigaro per chi lo fuma non è puzzoso. Per la gente intorno sì, infatti per quieto vivere e non dover vivere come appestato fumo quelli aromatizzzati al caffè. Che la gente pensa sempre siano alla vaniglia, questo per darti l`idea di come il fumo sia percepito diversamente tra chi è attivo e chi è passivo.
        E ho scoperto che piace di più alle donne che agli uomini quell`aroma. Sarà perché appunto sembra vaniglia e voi donne siete più sensibili a questo aroma? Boh.

      2. Non so dirti, io anche quando fumavo stavo lontana dai sigari e dai loro portatori (ci ho provato a fumarlo uno per gioco e per capire… peccato che tendessi ad aspirarlo come fosse sigaretta 😛 )

        (ci ho “provato a fumarlo uno” era inteso per il sigaro, non per il portatore)

      3. ma io son così PAZZA scrivo seria e poi la butto in vacca 😛

        Ma scherzi a parte sono io, come son nella vita, ti dico e ti parlo di cose serie, ma poi gioco e rido (se no sai che palla la vita 😛 )

        Son veramente pochi gli argomenti su cui non riesco a scherzare, la mia vita e le mie vicessitudini non rientra in questa categoria 😛

      4. beh, è una gran dote la tua che purtroppo fa difetto a molti che si credono chissà chi o che pensano di fare chissà cosa

        PS: i pazzi credo si nascondano altrove 😉

      1. A Cuba sigaro si dice “puro”. Il maleche è un sigaro che non butta fumo ma butta “leche”… 😉

      2. Maleche perché deve fare rima con leche. Sarebbe malatte che fa rima con latte… il malatte è un sigaro che non butta fumo ma… latte! 😀
        Nessun doppio senso, quindi 😉

      3. Una ragazza, a Cuba, disse che a loro piaceva “fumare” anche il “maleche” (pronuncia “malece”). Alla domanda su cosa fosse il maleche rispose: è un sigaro (puro) che non butta fumo ma latte (leche, pronuncia lece)
        😉

    1. il vizi si prendono e lasciano, io ora per esempio ho la dipendenza dei tuoi commenti 😛

      Io credo che la memoria (la nostra mente) creii un ricordo abbellito quando abbiamo una carenza. O quando il dolore è stato forte per superarlo.

      Del resto chi è madre (che ha partorito come ci insegnano le scritture 😛 con dolore 😛 ) lo sa. Appena partorito (la prima volta) dici “mai più figli, mai più” e dopo un paio d’anni magari aspetti il secondo

      Bacio mia pusher di commenti :*

      1. Condivido….per restare nel tuo esempio dovremmo “usare” il ricordo come un allattamento a richiesta: riempircene e poi staccarcene, saziati e cresciuti per continuare in avanti!
        Tanti e tanti baci “viziosi” :*

  4. in effetti il fumo più che un piacere vero e proprio, come invece lo è il gusto di bere del buon vino, nasce per provare, poi per darsi un contengo e poi diventa una stupida assuefazione del corpo a una sostanza che crea dipendenza ed è dannosa. E qui parlo del fumo di sigaretta … 🙂

  5. Madò che post.
    La seduzione dei ricordi, la patina dorata che stendiamo su di loro.
    Mi hai dato da pensare per giorni.
    Posso dirti che sei un magnifico esemplare di rossa? E che ti lovvo?

  6. Io fumo occasionalmente quando esco con le mie amiche (o dovrei dire “uscivo” visto che ormai sono a 3000 km da loro). Ogni volta lo trovo liberatorio e piacevole. Il pensiero “ma che è sto schifo” mi assale solo la mattina dopo, quando mi sveglio con la fogna in bocca. Che schifo.

    1. Ho un paio di amiche come te, riescono a fumare ogni tanto, una sera un paio o più di sigarette e poi basta.

      Io no, ho proprio una predisposzione al fumo… pensa che già uan volta avevo smesso e dopo 4 anni facendo così (un tiro stasera, una sigaretta domani) avevo ripreso.

      Ho capito. Io di qua e le sigarette di la 🙂

      1. Io sono stata una fumatrice vera e propria per un po’, ho iniziato perché la scuola finiva alle 14,30 e avevo scoperto che fumare mi toglieva la fame. Finita la scuola ho diradato sempre di più fino a diventare una fumatrice occasionale. Mi hanno detto che anche mio nonno fumava solo ogni tanto, probabilmente è tutta questione di genetica!

  7. tre considerazioni:
    non ho mai fumato (pur essendo molto vizioso)
    ho una RAM che è ancora quella del Commodore 64
    non hai mai provato il sigaro col ciuffo? (va beh dai…una vaccata su tre sono anche stato bravo)

    1. io so già che mi pentirò di avertelo chiesto…. ma cosa è il sigaro col ciuffò?

      (io ho un sacco di vizi, non tutti :P, ma un sacco. Mangiar la nutella direttamente con il cucchiaio, leccare il cioccolato dalle palle (malizioso non pensar male) dei profitterol, il vino rosso, i moscow mule, gli spritz al rabarbaro, la parmigiana di melanzane, gli sciatt, I flan caseros e mi fermo che insomma poi pensi male di me.

      Del resto con tutte le personalità multiple, ognuno con il suo lato vizioso, poteva essere diversamente ?:P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...