PANE E JEALOUSY

Non sono una persona gelosa, bada bene che non vuol dire che non so cosa sia, ma solo che non ne soffro in maniera patologica.

Non cerco di spiarti il cellulare, se digiti la password del tuo pc davanti a me, volgo lo sguardo altrove. Se mi dici che esci con i tuoi amici dico va bene, non ti seguo di nascosto. Del resto se ti ho scelto come persona che senso ha non fidarsi? Per me sarebbe impossibile stare insieme con qualcuno di cui non ho fiducia. E’ la base di ogni rapporto.

Certo se ti scopro che limoni duro con un’altra, o se i miei due angeli custodi mi sbattono sotto il naso la verità, ebbè lì il discorso è diverso.  In quel caso, lì la gelosia si trasforma in dolore, alla stessa velocità in cui il lampo segue il suono di un tuono. Quindi, no, non soffro di gelosia, soffro di delusione.

Eppure c’è stato un tempo che lo sono stata con una persona.

Ci son uomini(*) che ti fanno sentire così tanto una merda, insignificante, stupida, brutta, che qualsiasi cosa abbia sembianze umane femminili, fosse pure una statua di paglia, ti sembra migliore di te. Se lui ti fa sentire così, tu che lo ami così tanto, è perché tu non sei all’altezza.

Da allora ho capito che un uomo così non è l’uomo giusto per te, ma per nessuno, un uomo così si ciba di te.

Perché un uomo che si nutre delle tue insicurezze lo fa solo per nutrire il suo ego.

Photo by Tim Walker

(*) Scrivo uomini solo perché son femmina etero (per il momento), ma al suo posto a vostro piacimento potete inserire quello che più vi aggrada

Annunci

62 pensieri riguardo “PANE E JEALOUSY

    1. Guarda io son portata alla monogania, ma non ho nulla contro i poliamorosi, basta che siano palesi, poi io decido se mi sta bene o no

      (cosa che raramente accade, o meglio, ci son tanti monogami che fan finta di esser poliamorosi… 😉 )

      1. se entrambi sono d’accordo, certo, non c’è nulla di male… ma l’accordo deve essere, in ogni caso, reciproco. Non “io faccio quello che voglio e tu ti devi adeguare”

    1. eh… ma Chezliza, credimi ci son anche donne così…. forse meno (forse) in numero, ma ci sono eccome

      e maschi o femmine che siamo, all’inzio si presentano esattamente all’opposto di quello che sono, prima ti agganciano e poi ti “lavorano” 😉

      (per quello ho messo la postilla sotto la foto 😉 )

  1. gelosia, amore, rapporti…comunque alla fine, al centro di tutto (parlo dela foto) c’è sempre un uccello…(volevo scrivere uno splendido uccello ma così mi sembrava equivoco…)

  2. Su questo personalmente posso fare un libro. Ci sono due punti che hai affrontato sinteticamente bene: la gelosia e l’ego maschile. Per quanto riguarda la gelosia, tutti lo siamo. Chi più e chi meno. Personalmente io faccio scenate di gelosia e le ho fatte quando un uomo mi dà modo di essere gelosa. Nel senso che ci son dei piccoli segnali impercettibili che ti dicono “attenzione”. Il problema per noi donne è che quando abbiamo questi attacchi di gelosia, passiamo per pazze. In realtà è solo che c’è quel qualcosa che mina la fiducia. Un rapporto inizialmente si basa su 3 pilastri: gentilezza, fiducia e rispetto. Gentilezza è la zone nel quale costruire il palazzo , la fiducia è le fondamenta e il rispetto la cosiddetta “gettata” di cemento su cui costruire i piani.
    L’altro aspetto che hai citato è l’ego maschile. Un uomo che ti insulta, che denigra, umilia , che non fa sentire adeguata una donna, che non la fa sentire abbastanza non è giusto per lei, come non è giusto per nessun altra donna. Ultimamente mi sono informata molto sull’argomento e l’unica cosa da fare è allontanarsi, scappare il più lontano possibile da uomini del genere. Un uomo che si nutre delle insicurezze o che ci gioca con esse, non è uomo.

    1. Non ho mai fatto scenate di gelosia, nei momenti più “gelosi” della mia vita mi son permessa un paio di batture ironiche. La gelosia me la son tenuta per me.
      Questo perchè credo che la gelosia sia un problema per chi la prova, esternarla fa solo fuggire l’altro (oh diciamo che son stata in altro rapporto oggetto/soggetto di gelosia immotivata… mai più un uomo geloso).
      Poi penso anche che il tessuto sociale influisca. In luoghi dove la gelosia viene abbinata alla parola amore viene non solo accettata, ma quasi obbligata. In altri in cui viene considerata quasi “una patologia” viene sminuita. Da qui le grandi differenze sull’argomento dei popoli (e a volte delle regioni 😀 )

      L’ego (che non è solo maschile) è una brutta bestia e l’umiliazione ha molte forme, spesso in una coppia non lo sembrano neppure denigranti (apparentemente). E’ unaviolenza subdola.

      Spesso l’uomo (o la donna) che si nutre delle insicurezze altrui, neppure se ne accorge… vedi te

      1. Ma sai la gelosia è data soprattutto dalla paura dell’abbandono, di perdere qualcuno. Eh sì cara mia, ma quando uno mi vien a dire che la ex è un’amica di famiglia con sta riallacciando i rapporti e da ritornarci assieme…la scenata la fai perché ti senti presa in giro! È molto difficile per chi è un tantino passionale mantenere la calma, io non riesco a comprimere i sentimenti che provo. Io mi riferisco agli uomini perché mi è capitato due volte di subire un tipo di violenza subdola, quella verbale precisamente. Come dicevo ad un’altra blogger è un rapporto complementare, che combacia alla perfezione. La colpa è a un 50 e 50. 50 di chi la effettua e 50 di chi la subisce. Chi subisce questo tipo di violenza perde ogni tipo di percezione tant’è che quando sto giù, mando messaggi chiedendo se mi ritengono inadeguata, sbagliata o pazza. Non se ne rendono conto, ma causano danni.

      2. Sai io ho risolto alla radice, ma un uomo così io lo voglio? no… quello che un uomo fa a una donna, prima o poi lo riserva anche a te (vale anche al contrario quando una donna ecc ecc) quindi gelosia non ne ho, mi rimane la delusione e il dolore.

        Ho superato la paura dell’abbandono quando ho capito che nulla è per sempre, non dico che “muore” ma che tutto si trasforma quindi son pronta alla trasformazione anche emotiva (questo non vuol dire che è indolore 😛 )

        Per la “violenza” intendo quella manipolativa, e si comuqnue rimane un concorso di colpa, solo che quando vivi in un solo ambiente e non hai termini di raffronto… alla fine anche l’orrore ti sembra normale.

        Messaggi con le domande? Non servono a niente, non daranno mai risposte soddisfacenti e ledi da sola la tua autostima.

        In certi casi bisogna solo fanculizzare e andar oltre, senza portarsi energia negativa di situazioni e persone dietro con se. All’inizio e un pò faticoso, ma alla fine e tutta discesa 🙂

      3. Sì anche perché se un uomo è un manipolatore o più tecnicamente un narcisista perverso, non cambia. Ci si svincola da questo tipo di rapporto prendendo consapevolezza di come sia realmente l’altro.

      4. Esattamente! E dall’esperienza (ahimè megativa) impari per i rapporti successivi che alcuni atteggiamenti che vedrai fare son il segnale che devi andartene ancora prima di cominciare 😉 :*

  3. Neanche io soffro di gelosia, sai? Eppure vedo mia cognata morbosamente gelosa di mio fratello, ad esempio anche per una foto. Quando vengo a sapere che fa il muso duro mi viene da ridere, perchè al suo posto non me la prenderei tanto. Poi mi è stato detto che non sono gelosa perchè non sono innamorata. Non è vero. E’ un modo di amare maturo quello che provo per il mio partner e qualche volta, devo dire, un pò di gelosia l’ho provata, salvo poi il fatto che mi sono dovuta ricredere. Senza femminismo e senza eterosessualità credo che chi soffra di gelosia non sia una persona forte, non crede in se stessa e pensa che sia infinitamente inferiore rispetto al partner tanto da dubitare che l’altra parte abbia necessità di tradire e di fare del male. Dirai: “E beh? E se ti tradisse? Come la metteresti?” Beh, mi sono autoconvinta (scusa il rafforzativo) che a perderci è lui, non io, perchè pur non sentendomi migliore delle altre, credo che per il suo carattere, la sua personalità, la sua esperienza sia necessaria una come me. E nessun’altra.

  4. Oggi mi sono imbattuto in questo:
    “the moment you feel like you have to prove your worth to someone
    is the moment to absolutely and utterly walk away” (Alysia Harris)

    Il momento nel quale senti di dover provare il tuo valore a qualcuno è quel momento in cui darsela a gambe.

    1. Grande verità, del resto la gelosia è la richiesta di dimostrazione (di qualcosa non specificato) di qualcuno verso te, quindi insicurezza tua e sfiducia nell’altro, quindi darsela a gambe sarebbe opportuno.

      Peccato che (molte volte) nella realtà poi invece diamo la chiave del lucchetto e il guinzaglio proprio a quella persona… almeno finchè non impari

      (grazie di avermi direttamente tradotto 😀 :* )

    1. Devo però a lui molto di quello che sono oggi, nel senso che so cosa voglio o non voglio, e mi ha aiutato a scoprirmi forte e grande…. Certo effetto collaterale, soffro di eccesso di autostima 😉

      1. Credo che ogni persona che ci abbia segnato (nel bene e nel male) abbia fatto di noi (in parte) quello che siamo.

        Una piccola percentuale, un imput, un granello è loro, ma il 99% è merito nostro 😉

  5. “Perché un uomo che si nutre delle tue insicurezze lo fa solo per nutrire il suo ego” … serve che commenta? meglio di NO

    “Certo se ti scopro che limoni duro con un’altra” .. ho sempre sognato di aver sto pretesto per tagliare le gomme dell’auto (di sto lui)

  6. Il fatto che a una persona io abbia rigato la fiancata dell’auto senza neppure averlo visto limonare conta?
    Il fatto che dopo due anni glielo abbia confessato (mi sentivo un pò in colpa 😀 ) conta?
    Il fatto che lui mi abbia risposto: “Lo sospettavo che fossi stata tu, ma sai hai fatto bene a farlo” conta?

    Chiaramente eoni fa quando ero una giovane ingenua e pazza. Ora son solo ingenua e pazza 😉

      1. a) tu hai un appuntamento con me e Sister a fine mese e vediamo di non bidonare

        b) tanto vieni in moto, avrei poco da rigare

        c) allora ero giuuuovane e impulsiva, ora le vendette non son più d’impulso, ma meditate e sorseggiate fredde

        d) sono un spettacolo della natura, mi vuoi perdere? (e pensa che il corso dell’autostima è il prossimo wend come sai 😛 )

      2. (anche perchè io son la brava delle due)
        (non che lei non lo sia, lei è la brava e io la brava un pò buona)
        (per esempio io uccido subito, non faccio soffrire di solito)

      3. Miiii quante battutacce pregne di doppi sensi mi verrebbe di scrivere….
        Devo re… sister… e….

      4. Esistono le distanze di sicurezza?! Ma dai!?!? Non me ne ero mai accorta…. forse perchè le distanze non son mai sicurezza, ma solo ostacolo da superare 😛

  7. non ho mai tradito…
    ma “mai dire mai”, è un po’ il mio life motive, perché io la mano sul fuoco non ce la metterei manco su di me
    mi sono sposata nella convinzione che sarà per sempre, e vorrei che così fosse, ma se scoprissi che mi ha tradita, perché non sono stata capace di dargli cosa meritava di avere, o che tanto voleva, forse forse non potrei fargliene una colpa

    1. Premesso che io non credo che nessuno è perfetto, e anche il più monogamo al mondo può inciampiare detto questo (che è secondario) leggendoti mi son domandata, ma perchè pensa “se mi tradisse perchè è stata colpa mia” il tardimento non ha sfumature è tradimento è l’assunzione di responsabilità è di compie l’atto. Punto.

      Perchè Patalice, anche se una persona fosse stata carente in un rapporto (per vari motivi giusti o sbagliati, non importa). Tu parli con quella persona, quanto meno l’hai amata un tempo, quindi merita il rispetto che la sincerità ha, se non risolvi, e il rapporto rimane in crisi lasci e vai oltre. Non tradisci.
      Si chiama assunzione di responsabilità della propria vita.

      Quindi il tradimento è sempre “colpa” di chi lo commette.

      PS: è il modo modo di vedere chiaramente 🙂

  8. Non riesco proprio ad essere geloso, e a volte per questo sono stato tacciato di indifferenza. In realtà non sono geloso perché mi manca il senso del possesso.
    Però mi sono capitate un paio di donne gelose, e la cosa mi fa girare gli zebedei a mille ….è quasi sempre basata su fraintendimenti dati da mancanza di fiducia e da insicurezze, per cui tendono a vedere tutto attraverso il filtro di queste emozioni. Se hai dei dubbi chiedimi e così ci possiamo chiarire, ma poi devi credere alla mia versione ….altrimenti sono io a dirti “lasciamo perdere”, nel senso che con una donna così non riesco a relazionarmi.

    1. Scusa se mi permetto, ma ho trovato interessante il tuo commento..
      Non sei geloso perché non è tuo il problema del possesso: credo sia fondamentale giusto.
      Se io esprimo fatti che potrebbero giustificare una mia gelosia, son dovuti dal mio ego: lo devo sfogare.
      E non sento possesso.

      1. Parli di fatti che “potrebbero” giustificare la tua gelosia; e questo è comprensibile. Ma anziché sfogarla aprioristicamente non sarebbe meglio chiedere conto di tali fatti? La spiegazione, o meglio l’interpretazione, potrebbe essere opposta rispetto alla tua.

    2. M’intrometto anche io, in realtà è tutto qui:

      “You must love in such a way that the person you love feels free.”
      ― Thich Nhat Hanh

      1. D’accordo. Però ci sono persone che non possono fare a meno di essere gelose, e credo non debbano sforzarsi di non opprimere l’altro continuando però a rimuginare su fatti inesistenti.
        Tutto sarebbe più semplice se nelle coppie si parlasse di più dei propri desideri quanto delle proprie frustrazioni nel momento esatto in cui si provano, senza attendere che diventino elementi distruttivi.

      2. A parte il discorso che avete fatto voi, sul tuo primo commento posso dire che la penso come te, la gelosia è insicurezza interiore propria che “vomiti” sull’altro, anzi spesso ho ritrovo addirittura che le persone più gelose nella reattà dei fatti erano quelli che tradivano o avevano tradito in predecenda (non me bevogliano i gelosi, non ho detto tutti ho detto spesso) di più.

        Detto questo credo che una parte istintiva di pancia, tema comunque sempre di perdere ciò che la fa star bene, sia esso un amore, il proprio benessere, la propria casa ecc ecc
        In fondo un pò animali lo rimaniamo sempre 😉

      3. Diciamo che io posso anche amare, solo se mi sento libera, io.
        Parlare per spiegare una mia ipotetica gelosia? No, non ha senso. E di fondo mi fa comodo che non si sappia come la penso

  9. Io c’ho il mio ego e godo di chi è geloso. Ma lo sono di riflesso, e ci soffro.
    p.s. non vale.. Vipero arriva in un attimo!! ..ma a giugno sono sul lago di Garda…

    1. Io ho avuto un compagno geloso una volta, e mai più…. ma dico mai più… appena sento un accenno di gelosia oltre il microgrammo vado in fibrillazione e mi scatta il vaffa

      Scherzi un compagno/campagna geloso di impediscono di vivere….

      PS: son io la Sister ❤ brava non lei, ma ha ragione sbagli lago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...