SANGRIA E GRILLI PARLANTI

Il martedì è tradizione, si sa.
La sangria era annacquata
E io sì, sono integrale.

red

Il martedì dopo il lavoro ci si vede. Un paio di ore, qualche chiacchiera, ritrovarsi, rilassarsi, ingerire un pò di alcol, che scioglie la lingua e snoda le contratture del cervello da una giornata di lotta.

Tra un sorso e una parola, risalta fuori il mio integralismo. Odio questa parola perché ormai è associata alla parte oscura delle religioni, la cambierò in il mio esser integrale. Come la pasta e il riso.

Io sono integrale, non perfetta, non brava, non migliore. Sono semplicemente integrale nella vita, io e il mio vederla come un’onda, un cerchio che si trasforma in un otto infinito, la continuità e il legame continuo con il tutto.

E lo so che le persone come me sono scassapalle. Sembriamo tanti grilli parlanti a cui tu tireresti volentieri una scarpata sul muro. Eppure non lo siamo, non ci consideriamo “mejo”, solo vediamo il mondo da un’angolazione diversa dalla tua. Per ogni “cri cri” detto a voce in un parlare con gli altri, abbiamo frinito centinaia di volte con noi, fino a sfiancarci e ritrovarci Cassandre di noi stesse.

Se la cosa ti consola, sappi, che la parte peggiore la riserviamo a noi, al seguire la rettitudine dei nostri principi. Quelli che un centesimo e un miliardo hanno lo stesso valore.
A voi spesso “perdoniamo” a noi quasi mai. E noi cadiamo come voi.

Rosse le scarpe, rossa la maglietta, rossa la sangria, rosso “il monile” che indosso e rosso il campari. Sto cercando energia in un periodo che mi risucchia verso pensieri grigio topa.

Annunci

30 pensieri riguardo “SANGRIA E GRILLI PARLANTI

      1. Ci sono delle differenze tra me e lei…

        io son più brava, riesco a farle a secco, senza bere nessuna bibita gasata

        io non son così pheega

  1. Io non sono integrale. Anzi. Inizia a pesarmi il fardello di sogni frantumati che mi porto appresso tanto per. Le aspettative che non mi aspetto manco più da me. Programmi di vita che manco avessi vent’anni.
    Una cosa mi piace però. Ogni giorno è veramente un giorno nuovo. Perché di scontato non c’è proprio nulla. E a sera non è detto che rientri nella stessa casa dalla quale sono uscito. (un tom tom no eh?)

    1. Integrale non vuol dire non aver dei sogni spezzati (a volte pure le ossa..), integrale vuol dire lasciar andare le macerie o meglio usarle per ricostruire di nuovo quello che sei, integro… non rotto

      Si ogni giorno è nuovo, peccato che per dovere spesso dobbiamo fare sempre le solite cose…. 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...