SUICIDI DI STATO

Il 17 giugno si “suicidò” la sua segretaria personale, Graziella Corrocher, “fece un volo” dal quarto piano della sede del banco ambrosiano.
Il 18 giugno lo trovarono impiccato sotto un ponte sul Tamigi, “suicidio” dissero, si chiamava Roberto Calvi.

Ma a onor del vero ci fu una epidemia di suicidi in quel periodo, un uomo dei servizi segreti su trovato impiccato al termosifone di casa, chiaramente un “suicido”. Michele Sindona fu avvelenato in carcere, con un caffè, qui non dissero “suicidio”, ma poco ci mancò.

Sullo sfondo, il crack del banco ambrosiano, a LoggiaP2 (leggasi Massoneria), lo Ior (leggasi Chiesa Vaticana), la mafia, i servizi segreti italiani, la politica e la finanza. Sei (dico sei) poteri messi insieme.

Potevano non esser “suicidi”? Potevano non esserlo, queste morti con questa associazione a… non so, mettete un aggettivo che vi sovviene.
Poteva essere che questi “suicidi”, questi avvelenamenti e queste morti successive accessorie, potessero essere risolti?

Bravi. Proprio così, tutte morti rimaste sospese, come fantasmi che non trovano pace e vagano tra il cielo e la terra.

Poi oggi leggo, che il gip, dopo 34 anni (dico trentaquattro anni) Simonetta D’Alessandro ha deciso l’archiviazione dell’ultima inchiesta sulla morte di Roberto Calvi, sottolineando l’impossibilità di stabilire cosa è veramente accaduto. Tutto ciò, anche grazie al fatto che tutte le rogatorie inoltrate alla Santa Sede sugli affari con lo Ior di Marcinkus “hanno avuto esiti pressoché inutili”. Ma che strano. Eppure era Gesù che diceva “La verità vi renderà liberi”.

Io so, che già allora, giovanissima dopo più che bambina, in cui lo scopo principale della vita era innamorarmi dell’amore, in un’epoca in cui non vi era informazione se non quella dei telegiornali di stato (solo due), senza sapere ne arte ne parte, di pancia io la verità la “percepivo”. Come percepisco oggi la dinamica e i traffici di 34 anni, per cui oggi è arrivata la chiusura dell’inchiesta e il verdetto “non è possibile trovare i colpevoli”.

Noi lo sappiamo, io e le mie mille me, e qualcuno di voi con i suoi mille se lo sa, quando non vi è nessun colpevole vuol dire che i colpevoli sono solo troppo potenti per esser puniti.
the-hanged-man

Annunci

32 pensieri riguardo “SUICIDI DI STATO

    1. Possiamo, ma vi è una differenza son tutte cose legate ai servizi segreti e a uno o due altri poteri inseime, mentre nel caso del banco ambrosiano erano 6, tutti concussi.
      E io lo so, lo sento, quella specie di piovra a 6 (se non di più) esiste ancora.

      1. mafia e politica non è facile distinguerle una dall’altra. sono lo stesso tentacolo.

        Ricordo una volta, ad Anzio, per prendere una piovra uno dovette legare il fucile alla boa e tornare giù tentando di staccarla dallo scoglio (l’arpione l’aveva trapassata ed era rimasta la sagola infilzata da parte a parte. Dovemmo pinneggiare parecchio per dissolvere la nuvola d’inchiostro nero)

        ((ah già, la padrona è vegana. Fedi cosa mi fai raccontare…)

      1. il centro di tutto è Marcinkus, è lui la chiave di tutto. Moltissimi testimoni lo reputano il responsabile della sparizione. Altrimenti come farebbe il massimo esponente della banda della magliana ad essere sepolto in una delle principali chiese di Roma? Come hai scritto è una storia troppo complicata, la verità non verrà mai fuori perchè scoperchierebbe un vaso di pandora dagli risvolti bruttissimi. E’ tutto un segreto incastonato in un altro segreto: Calvi, la P2, lo IOR, il Vaticano, Marcinkus, Orlandi e chissà cosa altro ancora. Se fai un giretto su internet potresti anche appassionarti

  1. Inizierei a invadere militarmente il vaticano, prendendo possesso di ogni documentazione secretata. Passo successivo confisca globale dei beni della chiesa a parziale risarcimento delle schifezze perpetrate nei secoli.
    Io ricordo bene il caffè di Sindona, superblindato, superprotetto.
    E un flash molto preciso, i sanpietrini divelti in corso Vittorio Emanuele.

    1. Ci son cose che ricordiamo noi “non più adolescenti”… la mancanza di studio della nostra storia, la mancanza di passione per la verità, la mancanza di desiderio di un “noi” al posto totale di “io” di una parte di queste nex generation ha fatto che si che probabilmente non avendo memoria (oltre che manipolati) saranno carne da macello per i nuovi poteri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...