CANDORE

Diciamolo, questo accade, rimaniamo sempre un pò bambini all’inizio dell’adolescenza. Cresciuti troppo in fretta, con un piede nel candore dei nostri sogni e uno nel sudiciume di questa vita.
photo-by-sally-mann-candy-cigarette
Parliamo di realtà (ci parlano di realtà), ma vorremmo continuare a sognare. Sognare quella vita che avevamo immaginato, sperato, agognato e che per un destino, forse scelto da noi stessi, non è mai arrivata.

Allora facciamo i conti con la nostra anima piena di macchie, ma che si ricorda la semplicità del giocare con le mani e il pulviscolo invisibile, nelle lame di luce del sole.

In quel momento possiamo trasformare i macigni poggiati sul cuore. Abbiamo la facoltà di trasformarli in sassi e di lanciarli, a pelo d’acqua, cercando di farli rimbalzare più volte, cosicché si allontanino da noi.

Dipende da noi, solo da noi, raccoglierci, anche se con delle incrinature date dal vivere. Prenderci e portarci a vivere, riportare i nostri sogni nella realtà, con il candore dell’età adulta. Quello consapevole, quello che nessuno ti può portare via, perché lo hai scelto.

Annunci

42 pensieri riguardo “CANDORE

  1. Mi sa che candore, consapevolezza ed età adulta facciano a cazzotti.
    Per il candore bisogna rimanere bambini, ed inconsapevoli.
    Altrimenti i macigni rimangono.

    1. Esistono due candori, quello dei bambini e quello dei “grandi”.
      Il primo è destinato a frantumarsi, il secondo, se lo scegli, fa parte di te.

      “L’innocenza” come visione di vita è una scelta che si può fare a ogni età.
      Certo devi farti i nuscoli all’inizio. Ma una volta fatti, diventi forte.

      Certo che se tu pensi a priori che non è possibile per te non sarà mai possibile e non accadrà mai.
      Ma tu sei un pò rinuciatario per indole, non so come mai, so che è un peccato, sopratutto per te…
      I macigni rimangono se non tenti di spostarli

  2. Due sere fa dicevo in una conversazione molto intima che la consapevolezza del proprio buio rende capaci di scegliere la luce. Mi piacciono le tue parole perché il candore è una conquista che ossigena il cuore e la conoscenza delle macchie è sapere che l’aria è fatta anche di anidride carbonica. Scegliere cosa fare respirare all’anima ti permette di vivere. Un bacio ❤

  3. bambini e sassi lanciati a pelo d’acqua. Una volta ero in riva al mare e giocherellando nei miei pensieri comincio a lanciarne qualcuno…finchè non becco nell’occhio un bambinetto che stava giocando con la sua mamma. Non ti dico il cazziatone (giustamente). Da ciò si evincono due cose. Ho una pessima mira e una capacità di lettura e sintesi forse da rivedere un po’ 😉
    PS: ma hai mai visto dei macigni piatti? Non potranno mai rimbalzare. Suvvia…un po’ di coerenza letteraria

    1. Ho scritto: “possiamo trasformare i macigni poggiati sul cuore. Abbiamo la facoltà di trasformarli in sassi e di li lanciarli”

      Quindi non lancio macigni, ma li trasformo in sassi e poi li lancio (non addosso agli altri come te 😛 )

      … e quindi si, come ti sei detto da solo.. 😛 “ho una capacità di lettura e sintesi forse da rivedere un po” 😛

      Però essendo gatto ho tanta pazienza con te ❤

    1. Si hai capito il mio intento, anche se a esser sincera ho problemi con il “grigio” nella vita. So che esiste ma, molto spesso nonlo vedo. Vedo il nero più o meno intenso e il bianco più o meno luminoso.
      Quindi anelo al “bianco” consapevole che un colore che a noi terreni è quasi precluso.

    1. I macigni vanno frantumati… non saprei come trasformarte una cosa, un peso di tale spessore in candore.

      Non tutto quello che proviamo ci riesce, ma se non proviamo non ci riesce niente

  4. ‘…noi possiamo sempre…’
    Già.
    Noi possiamo sempre.
    Andare di qua o di la.
    Abbiamo la facoltà del libero arbitrio, di poter continuamente scegliere ed aver le capacità (molte volte addormentate in noi) di fare sempre la cosa giusta per noi stessi.
    La nostra Vita è una.
    Una volta consumata, non possiamo ritentare un nuovo giro.

    Si, se abbiamo qualcosa di buono, dobbiamo difenderlo, dobbiamo trasmetterlo, dobbiamo viverlo.

    Ciao.

    1. … hai ragione, il fuoco di un inferno terreno, brucia a nuova vita (a volte… a volte rimani inchiodato nell’inferno).
      Come araba fenice, il candore rinasce, quello consapevole..

    2. Sai chi mi sembrano canditi ed innocenti, consapevolmente, in età adulta?
      Quelli che non hanno dubbi, chi vede tutto bianco e tutto nero, senza sfumature.
      Uno alla Chris Kyle per intenderci (American Sniper).
      Io sono buono, loro cattivi.
      E viceversa.
      Talmente convinti, senza dubbi, così decisi, da ritenersi innocenti, candidi.

      E scatenano l’inferno.

      1. Questo è quello che pensi tu di chi ha riguadagno (a fatica) un suo candore,
        Candore non vuol dire giudizio, neppure arroganza, non vuol dire dividere il mondo in bianco e nero, giusto sbagliato, vuol dire vivere con candore.

        I “candidi” e i “canditi” 😛 son quelli che se gli dai uno schiaffo ci rimangono male, non quelli che li danno.

        Mi sa che confondi “canditi” con “integralisti” 😛

  5. Il candore lo perdi in partenza, quando ti stacchi dalla mamma e vieni catapultato nella vita sociale. Già al nido ti accorgi che nessuno ti può proteggere dalla prepotenza del mondo, la maestra che preferisce i bambini più spigliati e simpatici a te, povero piccolo timidino. I sogni sono già infranti. L’adolescenza è solo l’ultima spiaggia, riciclarsi e sopravvivere alla realtà mantenendo la tua identità infantile o distruggersi completamente, cedendo alla bellezza della forza o chiudendosi completamente in se stessi accettando la dura realtà. Sì, dipende anche da noi il come. Ma non solo… il mio sasso l’ho lanciato.

    1. Io non so se alcuni ne nascono sprovvisti. Una parte di me pensa, che nasciamo (più o meno) con la stessa quantità di “candore”, la differenza forse sta nel fatto di volerlo o non volerno tenere con se negli anni.

      Poi si, forse qualcuno ne nasce senza, ma quando accade mi domado perchè.

      1. Perché ognuno di noi torna al mondo con il bagaglio energetico costruito negli anni precedenti. Se il candore lo hanno smarrito o gliel’hanno massacrato… non ce l’hanno più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...