OLD FASHION CUPCAKE

Se vi piacciono le serie giapponesi, se vi attirano i drama con poche puntate e brevi, se per voi il pathos iniziale di una storia è importante, se per voi l’amore passa anche dai primi timidi passi, se oltre ai “belloni” volete anche una regia e una trama ben fatta,  se appartenete alla categoria “L’attesa del piacere è essa stessa piacere”, se da un bl volete qualcosa di più del semplice contatto fisico, se siete stanche dei bl “universitari”, se questi se li avete, allora “Old fashion cupcake” tratto da un manga dallo stesso nome, è un jdrama bl del 2022 che fa per voi.

TRAMA
Nozee
è un uomo quasi arrivato ai quarant’anni, che ha scelto di rimanere “congelato” nel suo quotidiano. Infatti, nonostante, a 39 anni gli offrano aumenti di livello e prestigio lavorativo, lui sistematicamente li rifiuta, preferendo rimanere nella sua zona confort.
Single non cerca nemmeno una donna con cui creare una famiglia e con cui sposarsi, perché la sua rassicurante routine gli piace e non vuole romperla. La sua vita è composta da un trio: dormire, svegliarsi, lavorare. Tutto questo fa sì che la sua vita sia piatta, monotona, grigia e forse inizia a scivolare nella depressione.

Un suo giovane sottoposto, il ventinovenne Togawa, un giorno dopo un incontro con un cliente dal quale si recano assieme, passa del tempo a parlare con Nozee. Quest’ultimo osservando delle giovani ragazze che ridono e chiacchierano pensa ad alta voce: “Dev’essere bello essere una coppia di ragazze. Vedi? Sembra divertente, vero? I ragazzi non sono mai così felici. Loro scattano foto, aspettano in fila per i pancake e parlano d’amore…Ridono degli stupidi discorsi tra ragazze e si divertono sinceramente. Voglio dire, anche da giovani, non siamo mai stati così allegri”.

Da quel discorso inizia un gioco tra i due uomini, in cui decidono di comportarsi come le ragazze e cercare quell’allegria, quella spensieratezza e quella felicità delle piccole cose, che le ragazze sembrano trovare nell’essere insieme.

GLI ATTORI
Takeda Kouhei
interpreta Nozee, il maturo capo di Togawa, è un uomo serio, competente, gentile, sempre disponibile agli altri e che dedica la sua vita al lavoro.
È un attore, intrattenitore e modello giapponese molto famoso in patria, ha iniziato la sua carriera molto presto ed è stato anche membro di una band, la PureBoys.

Kimura Tatsunari interpreta Togawa, il giovane sottoposto di Nozee.
È un giovane attore di Tokio, i primi lavori sono del 2016 e da allora ha proseguito la sua carriera senza sosta.

La filmografia giapponese, da noi, è molto meno importata e quindi conosciuta, rispetto a quella coreana. Per questo la stessa sorte accade agli attori, davvero molto bravi, ma sconosciuti a più.

CONSIDERAZIONI PERSONALI
Questa serie è formata da 5 episodi di circa 25 minuti l’uno. Dei Jdrama amo molto questa aspetto, serie che vanno dai cinque ai dieci episodi, non eccessivamente lunghi, ma che nella loro brevità riescono a condensare, in maniera perfetta tutto. Cosa che è successa anche con “Old fashion cupcake”.

Lo dico ogni volta che scrivo dei giapponesi, sanno essere (nei loro film e drama) di una crudezza spietata, oppure di un romanticismo che penetra e invade fino al midollo osseo, e lo fanno con delicatezza. Questo è l’effetto che mi ha fatto questo bl, un romanticismo delicato e profondo che mi ha letteralmente conquistata.

Mentre riusciva nel difficile intento di penetrate in me, come una lama incandescente in un panetto di burro, mi ha dato anche degli spunti di riflessione attraverso delle frasi dette dal protagonista.
Un paio ve le riporto qua sotto:

Quando ti fai una certa esperienza, bisogna trovare la strada per farne di nuova
Perché, diciamolo, è il cambiamento il carburante della vita. Non troppo perché si ingolfa il motore, non poco, altrimenti non ti muovi più.

Il motivo per cui gli anni passano tanto in fretta per noi adulti è perché tutti i giorni si assomigliano. I bambini sperimentano cose nuove ogni giorno, quindi è sempre nuovo e memorabile, e gli anni sembrano più lunghi
A questa frase ho bloccato il video, e sono rimasta lì a pensare, come sia lo specchio di questi ultimi miei anni. Così veloci da non vederli, e che è vero quando avevo millanta interessi, gli anni scorrevano più lenti.

I rimpianti consumano la vita
Credo di averlo già detto in un altro post, se i rimpianti occupano il presente, non lo vivi.

Non sarà che non ci provi per non rimanere deluso?
Ehi tu, regista, quando cavolo sei venuto a spiarmi!?

VISTO su Viki

VOTO 9

Rammento che quando io scrivo di un drama sono sempre le mie opinioni e ciò che il drama ha fatto nascere in me.

Pubblicità

5 pensieri riguardo “OLD FASHION CUPCAKE

  1. “A questa frase ho bloccato il video, e sono rimasta lì a pensare, come sia lo specchio di questi ultimi miei anni. Così veloci da non vederli, e che è vero quando avevo millanta interessi, gli anni scorrevano più lenti.”
    Qui mi permetto di dissentire: scorrevano più lenti perché non vedevamo l’ora di diventare adulti. Adesso scorrono veloci perché ci siamo accorti di quale enorme cazzata fosse (diventare adulti) e mo’ vorremmo tornare indietro a giocare di più, giocare meglio 😉
    – my just 2cents, ovviamente.

    1. Io sono “adulta” da un pezzo 😛 e solo gli ultimi anni sono così.

      Prima ero lo stesso adulta (e molto) ma mi dipanavo in mille passioni e interessi (fino a pochi anni fa), per questo il tempo era lento, semplicemente perchè “non esisteva”. Quando sei impegnato a vivere non guardi lo scorrere della vita, o fai quanto ti impantani.

      Se mi chiedi cosa è successo, non lo so. Solo che a volte mi sembra di combattere con i mulini a vento.

  2. Io ho il ricordo netto di quando sono avvenuti i cambi, come per l’ora legale.
    Ero pischello, una sera d’estate, sul terrazzo ammirando le stelle, ho preso a domandarmi cosa avrei fatto e chi sarei diventato nel 2000 a 34 anni. Sto 2000 sembrava lontanissimo e non arrivare mai.
    Appena compiuti 35 anni, la sera prima di addormentarmi, guardando il soffitto ho pensato: “cacchio, i genitori sono invecchiati, saranno nonni, poi moriranno e io nel frattempo padre, marito, adulto, poi forse nonno e quindi morirò…”.
    Non ho più preso sonno, il tempo ha iniziato a scorrere rapidissimo da quell’esatto istante.

    1. Io non so dirti quando è accaduto di preciso il cambio, credo di aver avuto una prima avvisaglia intorno al 2010 (che ho sconfitto però 😛 ) e poi è stata una cosa lenta iniziata tre/quattro anni fa, il problema delle cose lente e che non le noti subito, ma solo a cose fatte.

      Devo iniziare a far rallentare il tempo un’altra volta 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...