PER – DONO


Io perdono per egoismo.

Ho appurato, negli anni, che il perdono non serve a chi è stato fallace e quindi lo cerca (non sempre), ma serve a chi ha subito il fallo (e non nel senso erotico del termine). Non subito, ma io perdono. A volte ci metto anni, a volte ore.

Perdono anche chi il perdono non me lo ha chiesto. Perdonare serve a me per andare oltre, per lasciarmi alle spalle l’accaduto, per creare nuovo spazio altrimenti occupato da rancore, rabbia, impotenza e acredine. Tutte emozioni che distruggono chi le prova.

Perdono è vero, ma non confondete il “mio perdono” con un “come se non fosse successo”.
Perdono per egoismo, e quindi sì, io vado oltre, non ci penso più, ma tu “fallace” che mi hai ferito volontariamente, non vieni con me nell’oltre.

Parlo di “volontariamente” perché a volte c’è un “involontariamente”, ma qui il discorso diventa troppo ampio. Con l’involontario sono più comprensiva, del resto riconosco la nostra umanità e l’errore fa parte del nostro vivere in questo mondo.

Perdono, anche se a volte il mio marte in scorpione vorrebbe vedere il sangue (copioso) e la sofferenza (atroce) condita da ampie spruzzate di vendetta (servita sia calda che fredda) di chi lo ha risvegliato.

Quando perdono, vado avanti, mi lascio il passato alle spalle e faccio mia una frase dettami anni fa: “Tieni l’insegnamento, abbandona il dolore”.

Io per-dono, mi faccio il dono di vivere bene.

L’INFERNO DEGLI ANGELI


Ho sbattuto il naso in lui nel giugno 2007. Da allora l’ho sempre visto come un cavaliere di altri tempi. Di quelli con la spada sguainata combattono strenuamente il mostro e proteggono l’innocente della favola. Solo che lui combatte nella realtà con mostri come i pedofili.

Amo questo uomo, Massimiliano Frassi, e quando dico amo, lo dico nell’eccezione più profonda e pulita di questo termine. Amo lui e quello che fa. Amo le persone che lo aiutano e lo supportano nel suo progetto in ogni modo, con un piccolo gesto o con un grande aiuto.
Ho avuto la fortuna di conoscerli, il piacere di stare qualche volta con loro e l’opportunità di vedere delle persone così luminose e belle.
Grazie Max  per tutti noi e per tutti i bimbi di ogni età che hai aiutato e aiuti a salvare dagli orchi.

Io non amo il natale e non amo i regali natalizi, ma se proprio qualcuno volesse farmi un dono, aiuti lui e l’Associazione Prometeo.
Basta che clicchiate sull’immagine qua sopra e avrete solo la scelta di come farlo. Se non potete economicamente (si sa son tempi duri per tutti) potete diffondendo. Più luce sui pedofili meno mostri nell’ombra.