L’ATTRITO DELL’ARIA


π‘ƒπ‘’π‘Ÿπ‘β„Žπ‘’Μ 𝑔𝑙𝑖 π‘’π‘šπ‘Žπ‘›π‘– π‘ π‘œπ‘›π‘œ π‘π‘Ÿπ‘’π‘Žπ‘‘π‘’π‘Ÿπ‘’ π‘β„Žπ‘’ π‘‘π‘’π‘›π‘‘π‘œπ‘›π‘œ π‘Ž π‘ π‘’π‘šπ‘π‘™π‘–π‘“π‘–π‘π‘Žπ‘Ÿπ‘’ 𝑙𝑒 π‘π‘œπ‘ π‘’, π‘π‘’π‘Ÿπ‘β„Žπ‘’Μ 𝑒̀ 𝑝𝑖𝑒̀ π‘“π‘Žπ‘π‘–π‘™π‘’ π‘π‘’π‘Ÿ π‘™π‘œπ‘Ÿπ‘œ π‘Žπ‘π‘π‘’π‘‘π‘‘π‘Žπ‘Ÿπ‘™π‘’.
π‘ƒπ‘Ÿπ‘œπ‘π‘Ÿπ‘–π‘œ π‘π‘œπ‘šπ‘’ 𝑠𝑖 𝑑𝑖𝑐𝑒 𝑖𝑛 π‘“π‘–π‘ π‘–π‘π‘Ž: β€œπ‘‡π‘’π‘‘π‘‘π‘Žπ‘£π‘–π‘Ž π‘™β€™π‘Žπ‘‘π‘‘π‘Ÿπ‘–π‘‘π‘œ π‘ π‘Žπ‘Ÿπ‘ŽΜ€ π‘Ÿπ‘–π‘‘π‘œπ‘‘π‘‘π‘œ π‘Ž π‘§π‘’π‘Ÿπ‘œβ€?
π‘π‘œπ‘› 𝑒̀ π‘π‘œπ‘ π‘ π‘–π‘π‘–π‘™π‘’ π‘β„Žπ‘’ π‘™β€™π‘Žπ‘‘π‘‘π‘Ÿπ‘–π‘‘π‘œ 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑑𝑖 π‘§π‘’π‘Ÿπ‘œ.
π‘π‘œπ‘› 𝑒̀ π‘π‘œπ‘ π‘ π‘–π‘π‘–π‘™π‘’ π‘–π‘”π‘›π‘œπ‘Ÿπ‘Žπ‘Ÿπ‘’ π‘™π‘Ž π‘Ÿπ‘’π‘ π‘–π‘ π‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž π‘‘π‘’π‘™π‘™β€™π‘Žπ‘Ÿπ‘–π‘Ž.
π‘‡π‘’π‘‘π‘‘π‘Žπ‘£π‘–π‘Ž, 𝑠𝑒 π‘›π‘œπ‘› π‘“π‘Žπ‘π‘π‘–π‘Žπ‘šπ‘œ π‘π‘œπ‘ π‘–Μ€, π‘›π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘ π‘ π‘–π‘Žπ‘šπ‘œ π‘π‘Žπ‘π‘–π‘Ÿπ‘™π‘œ. 𝑄𝑒𝑖𝑛𝑑𝑖 π‘Ÿπ‘’π‘›π‘‘π‘–π‘Žπ‘šπ‘œ 𝑖𝑙 π‘šπ‘œπ‘›π‘‘π‘œ π‘ π‘’π‘šπ‘π‘™π‘–π‘π‘’ 𝑒 π‘“π‘Žπ‘π‘π‘–π‘Žπ‘šπ‘œ π‘™β€™π‘’π‘π‘π‘’π‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ 𝑑𝑖 π‘œπ‘šπ‘’π‘‘π‘‘π‘’π‘Ÿπ‘’ 𝑖𝑙 π‘Ÿπ‘’π‘ π‘‘π‘œ.

Me lo ha detto un mio amico.
Gli umani hanno la tendenza a semplificare il mondo per capirlo.
Non voglio farlo.
Azzerare l’attrito ignorando la resistenza dell’aria.
Non voglio fingere di aver capito.
Non voglio giudicare

π˜Ώπ™–π™žπ™˜π™π™ž π™†π™–π™£π™šπ™ π™€ 𝑛𝑒𝑙 π‘Ÿπ‘’π‘œπ‘™π‘œ 𝑑𝑖 π΄π‘›π‘‘π‘œπ‘’ 𝐽𝑒𝑛 𝑖𝑛 πΉπ‘’π‘—π‘œπ‘ β„Žπ‘–, π‘ˆπ‘˜π‘˜π‘Žπ‘Ÿπ‘– 𝐺𝑒𝑖 𝑛𝑖 πΎπ‘œπ‘˜π‘’π‘Ÿπ‘’

BIZEN


Neve a Bizen
Ferro e fuoco
Forgi acciaio e il mio cuore
L’uomo che io sono scompare.

Petali di pesco.
L’anima mi hai forgiato.
La forma Γ¨ quella del tuo cuore
L’uomo che io ero non Γ¨ piΓΉ.

Nespole color oro
Le labbra tue son la mia dimora.
Del mondo farΓ² la tua.
Tu farai di me l’uomo che sarΓ².

L’acero ci avvolge.
Premonizione di sangue le sue foglie.
Per salvare te, devo morire io.
Tu farai di me l’uomo che non sarΓ² piΓΉ.

clan

Liberamente tratto dalla mia memoria antica. Da un giappone che non esiste piΓΉ. Storia di un clan, di acciaio, di lame affilate, di vita, di fuoco, di morte e di due uomini che si amavano.

OH PERBACCOLINA!


Io amo il Giappone. Quello onirico che mi porta in parti di me che tendo a celare.
Amo gli artisti del sol levante, il loro surrealismo. Solo chi nasce e cresce in uno sputo di terra sconquassato da terremoti e maremoti puΓ² averlo.
Infine amo quello che riescono a farmi sempre. Sorprendermi.

E lo hanno fatto dopo che avevo giΓ  scoperto:

* L’amplificazione del punto G

* La riverginizzazione

* Lo sbiancamento anale

* Lo sbiancamento vaginale

* il make up della patonza

Loro son riusciti ancora a sorprendermi con lo sbiancamento del capezzolo!
Pare che da loro l’ultima moda sia quella, sbiancarseli, che scuri pare brutto…

Ditemi come non “amarli”?! πŸ™‚