CRESCERE


Ma in questa società siamo capaci di invecchiare?
In questo mondo occidentale in cui le attese di vita si sono allungate moltissimo, in cui medicine, integratori e cosmesi sono al servizio della longevità e dell’apparire in forma, in questa società noi siamo capaci di invecchiare?

Ho l’impressione di no, l’aspettativa di vita più lunga ha creato solo un nuovo terrore insito in molte persone, “apparire vecchio” ed essere rifiutato.
Questo pensiero si è insinuato nei diversamente giovani di questa epoca. Devi “presentarti” giovane, in forza, “sprintoso” in grado di ruggire e afferrare velocemente questo mondo, in caso contrario sarai messo ai lati della vita e abbandonato, non conterai più nulla.

Vedo coevi che a causa di questo timore perdono se stessi, trasformando gli anni che dovrebbero essere finalmente della saggezza, del conoscersi e del viver bene, in un grand guignol della loro vita, con aspetti a volte comici e a volte grotteschi. Osservandoli non riesco mai a capire se di loro devo provare pena o altro.

Sto scrivendo senza indice puntato, solo osservazioni e constatazioni fatte questa mattina, mentre scambiavo due chiacchiere con amici.

Sto invecchiando anch’io e qualche difficoltà ad accettare questo fatto l’ho avuto, c’è l’ho.
Il mio corpo non è più alleato di scorribande e mi fa sospirare il recupero. Mi son resa conto che la mente non è la stessa, perdo pezzi, ciò mi crea l’ansia che qualche sintomo di alzheimer stia arrivando. Nonostante questo, nonostante guardi al mio ieri da puella, so che sul palcoscenico della vita i ruoli da rappresentare cambiano sempre, non si può recitare la parte dell’adolescente per novantanni.


Non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care.
(Anna Magnani al suo truccatore prima di un film)