SFERE


Da ieri questa sensazione è più forte del solito. Si lo ammetto, un pò l’ho sempre avuta, intendo la sensazione di non essere totalmente sincronizzata con l’ambiente intorno a me. Però ultimamente lo “scronicismo” aumentava in maniera esponenziale, e ciò nonostante cercassi di tenerlo a bada.
L’osservare che le persone, una volta più vicine a me per indole, son diventate lontane nel vivere, nel pensare e nei valori mi fa vivere su un piano parallelo.
Ma sarà che son fuori io posto in questo mondo?

Per questo osservo senza giudizio di nessun tipo, verso nessuno, ognuno ha il suo personale percorso di crescita di cui io non posso sapere davvero niente. Ciò non toglie, però, che mi ritrovi spaesata e non riconosca più nessuno, come in labyrinth. Eppure mi sembra di aver più volte usato anche io la “sedia”, o forse proprio per questo, non so… so che la vita consuma.

PS: Certo che se anche nel mio mondo immaginario ci fosse stato Bowie, uscire dalla sfera avrebbe richiesto più forza di volonta per non rimanere con lui (la serietà non riesce mai a giungere alla fine dei miei post, portate pazienza)

PPS: se non capite perchè parlo di sedie, Bowie e labyrinth cliccate su di lui e sentirete anche la musica che accompagna le mie dita sulla tastiera.