JUNI


Piena di te è la curva del silenzio.
(Pablo Neruda)

Nonostante siano passati giorni, faccio fatica a scrivere questo post. Lo apro, lo richiudo. Ci ritorno e poi lo richiudo.

Neppure quattordici anni di vita i tuoi, e poco più di due vissuti con me, gli ultimi. Chi doveva amarti per sempre, nella sua vita ha fatto e fa confusione tra il verbo e l’aggettivo, quindi alla fine usa il verbo solo riferito a se stesso e l’aggettivo per rendere amare le vite altrui.

Ho parole dalle mille sfumature, ma nessuna riesce a percorrere la gola e spiccare il volo.
Rimangono lì, incastrate, come pirite cubica nella roccia.

Ho capito come la vibrazione di cui siamo fatti, tutto e tutti, nessuno escluso, riempia lo spazio.
L’ho scoperto nello spazio vuoto tangibile della sua assenza.

So esattamente, conosco perfettamente il momento esatto in cui hai lasciato questo mondo, un freddo e oscuro venerdì mattina alle 07.07.
Non so, invece, come tu, presenza così silenziosa, possa ora, nella tua assenza far un frastuono così intenso.

Altro non riesco a dire, questa “pirite cubica”, non si stacca dal cuore.