PENSIERI AD CAZZUM DEI PRIMI GIORNI DI LUGLIO CHE ESCONO COME CAZZUM GLI PARE


Pensieri disomogenei tra loro salgono e pretendono tutti di uscire, confondendo la punta delle dita che battono sulla tastiera. Si intrecciano tra loro poco prima di uscire. O forse sono le mie personalità multiple che vogliono parlare tutte insieme.

Anelo al silenzio.

Quelli che vogliono avere mondi paralleli nei quali recitare un ruolo diverso vivono nel terrore che questi mondi si avvicinino tra loro. Questa gente mi circonda. Questa gente mi crea disagio fisico e mentale.

Ancora questa domanda mi svolazza nella mente: “Ma di me gli altri che vedono? Mi vedono? O sono io che non mi faccio vedere?”
Una volta l’ho fatto, ho chiesto “Parlami di me”. Ora questa cosa la direi a tutti quelli che conosco. Parlami di me. Perché attraverso le tue parole io possa capire cosa davvero di me passa al mondo esterno. Perché io possa capire quanto tu mi veda.

La gente che in mezzo agli altri usa un tono così alto da farsi sentire per metri intorno a se, e scopri così pure quante volte va in bagno, ma che problemi ha? Ha paura di non essere vista in questo mondo narciso?

La vita è circolare non lineare.

Far parte della mia vita vuol dire adattarsi alle “leggi” che la regolano. Non sono tante, le dita di una mano avanzano. E, a volte, son anche adattabili. Son meno intransigente di quello che si pensa, ma quelle “leggi” ci sono. Se non piacciono, non mi ha prescritto il medico. Voler far parte della mia vita infrangendole che senso ha?

Questo nodo di lacrime in gola.

Questi pensieri li ho fatti negli ultimi giorni. Ognuna di loro meriterebbe un post a parte, ma son pensieri compressi, che cercano spazio e libertà, e lo fanno comprimendosi nelle parole parche. Poi chissà domani si potrebbero aprire, o anche no.

E infine l’ultimo pensiero, quello di ora, in questo momento. Sappiate che quando scrivo qua, ne sono consapevole, appaio sempre “segaiola mentale”. Ma io non sono così, davvero, o almeno non lo sono sempre. Sono ancora, come (clicca) in questo post, sono una piattola gioiosa.

Annunci

MIRROR


Assaggiami, sono qui, lentamente, chiudi gli occhi, affonda le labbra nella pelle.

La tua lingua, cercami, paventa la spina, pungerà, se non la trovi, ti troverà lei.

Accarezzami, placido, sono manto di gatto sotto la tua mano, artigli sotto il pelo.

Distorci il tempo, ritrovami nei lineamenti, le tue dita conoscono a memoria.

Di Alice conosci lo specchio ma non lei, e questo ti farà perdere in te stesso.
Photo by Anja Bührer

COLORAMI


Ho pensieri come petali di rosa, quando un soffio di vento li depone nel cuore, si trasformano in morbidi marshmallow in attesa di essere morsi.
Quando arriverai, tu mordimi piano, con estenuante lentezza o farò di te un obeso d’amore.

Colorami di verde e rosa, cosicché il rosso verrà da se portando risate come un ruscello che scorre. Il viola già ci unisce dall’alto di una collina antica. Radici arancioni ci saldano, mentre il giallo oro della luce si stempera nel blu della notte che ci avvolge.

Colorami.
colorami

DUO


Onestà intellettuale e onestà emotiva. Duo così raro da trovare insieme.

Le cerco negli occhi di chi mi guarda, nelle righe di uno scritto, tra un bit e l’altro. Alzo lo sguardo mi osservo allo specchio, le cerco anche lì. A volte, per un attimo, le vedo entrambe che di rimando mi osservano. Altre volte no. Riconosco la presenza di una o dell’altra.

Duo è la mia vita e in mancanza divento uno, ma sento la mancanza. Se fossi più arrogante, vi direi che comprendo “dio uno” mentre sente la mancanza di “due gli uomini”.
Gli mancano, spera che al più presto tutte le anime tornino a casa, nel frattempo aspetta e spera che “due gli uomini” si evolvano fino a lui. Prima non è possibile s’incontrino, lui attende.
Ecco se fossi più arrogante, pensando di esser empatica con Dio, vi direi proprio così.

Duo è il mio pensiero, un solo pensiero alla volta mi è difficile, perché mentre penso a bianco, penso subito a nero, se penso a destra eccola là la sinistra, se immagino piccolo ecco grande che sorge.

Duo io sono, eppure ormai cammino nell’uno, come eremita in attesa. Cerco in ogni cosa e dove, sapendo che in quell’unico punto, dove le due onestà s’intrecciano in un balletto amoroso, ecco lì è la completezza.

photo by Annie Leibovitz

Uno sono e spero sempre di alzare gli occhi e incrociare prima o poi uno negli occhi di fronte a me.