FORBICI


Ho avuto sempre difficoltà a dare quell’ultimo colpo di forbici, quello che recide.
Perchè so che non dimentico. Ricorderò per tutta la vita che ho reciso con te e perchè l’ho fatto. Negli anni non sentirò più l’emozione che mi ha portato a quello, ma ricorderò le cause e la forza che ho dovuto avere per farlo, recidere è un’azione con un punto di non ritorno.

Ecco come mai quando è il momento dell’ultimo taglio, il definitivo, tentenno. Rimango lì in attesa, come se quello che non è successo in anni, potesse accadere in un secondo. Ma non accade mai.
Il mio tentennare è la paura di sentire il vuoto di una presenza che in un momento lontano esisteva ed ora non più. E’ la certezza del sapere che arriverà un momento, in cui tornerà a cercarmi, ed io guarderò quel punto di non ritorno che ho oltrepassato. Quello che è stato non sarà mai più.

Ecco perchè oggi rimango qui immobile, con le forbici in mano e tentenno, il tempo fa amare anche i fantasmi.

Annunci

PUNTO DI NON RITORNO


E’ una di quelle giornate in cui non riesci a capire se l’aria ti opprime come un’incudine sopra i polmoni o se cerca una via d’uscita dagli stessi e nel farlo ti squarcia il petto in due.
Pensieri si attorcigliano tra di loro rimanendo distinti. Groviglio lineare di cui non trovi il capo per scioglierlo.

Vorrei tanto avere ancora quella fiducia. Quando pensavi a me, pensavi anche a quel lato sorridente. E invece no, invece basta.
Cé un punto di non ritorno anche da noi stessi.

Rientro nel mio pianeta, in cui ascolto e sto in disparte.
Al mondo non parlo più, ma ringhio soltanto.

La follia diviene culla in cui adagiarsi e farsi dondolare in un abbraccio consolatorio nell’attesa del nulla.