I MIEI AMICI


Sono stata il copridivano domenicale del mio divano. Io e lui. La copertina e il pc sopra me. Netflix aperto e la quarta serie di “The new girl” che scorre davanti agli occhi.

Rido e penso.
Sarà che riconosco tanti discorsi, tanti “personaggi” seppur estremizzati fanno parte del mio vissuto. Rido di me, dei miei amici, rido di cuore, delle nostre imperfezioni, dei nostri “bisogni” d’amore, delle nostre paure e dei nostri difetti, i nostri lati fragili, del nostro cercar di vincere l’egoismo innato, del riuscirci a volte e a volte un po’ meno.
Rido e penso.

Penso a C. e ai “dai cinque minuti” su skype sabato pomeriggio che son diventati tre ore.

Ripenso alla pizza con le cipolle di sabato. Ricordo un barcollare ubriachi di una sera di luglio per le vie della città con l’ultimo bicchiere di mojito che passeggiava in mano nostra. Alle chiacchiere davanti a un tavolino, una candelina al centro, e tante parole in mezzo. All’abbraccio dato o preso per lenire un dolore. Alle risate, tante, per sconfiggere una vita che a volte ci vuole un po’ tristi.

Penso a D.E. che mi chiama alla dieci di sera per dirmi “Solo a confermarti di quello che dicevamo” ed io a rispondergli “Sì, ma te, solo psicopatiche”.

Amo questa serie perché amo i miei amici
The new girl